Bando commercio. Si riparte il 13

Bari. La vicepresidente Capone ha assicurato che la Regione cercherà di rispondere alle esigenze del territorio irrobustendo la dotazione finanziaria dell’avviso

BARI – Riapre mercoledì 13 marzo alle ore 12 la procedura per accedere al bando “Interventi a favore delle Pmi nel settore del commercio” interrotta il giorno stesso dell’attivazione per consentire la piena operatività del sistema. Ne ha dato notizia la vicepresidente della Regione Puglia e assessora allo Sviluppo economico Loredana Capone: “Innovapuglia, la società regionale che gestisce la procedura di accesso al bando – ha spiegato – ci ha assicurato che in questi giorni saranno adottati tutti gli accorgimenti necessari per rispondere all’enorme flusso di domande simultanee che questo bando ha determinato. Le preoccupazioni delle migliaia di commercianti interessati al bando, nella particolare congiuntura in cui stiamo vivendo – ha continuato – sono comprensibili e pienamente condivisibili. Siamo dispiaciuti per il disagio che è stato arrecato ma assicuriamo, allo stesso tempo, che restano impregiudicati i dati già immessi a sistema, mentre coloro che non sono riusciti ad inoltrare la domanda avranno la piena possibilità di farlo”. “Fare in modo che siano date a tutti le stesse opportunità è una nostra priorità”, ha aggiunto la vicepresidente. “Per questo abbiamo dedicato gli ultimi due mesi ad un’intensa e ininterrotta attività di comunicazione sul bando. La stessa scelta della modalità on line è determinata proprio dall’obiettivo di offrire a chiunque voglia candidarsi identiche possibilità”. Capone ha aggiunto che lo straordinario ed inaspettato boom di richieste rappresenta il dato da cui partire. “Il tessuto produttivo ha intercettato proprio in questo bando un’opportunità imperdibile. Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità, impegnandoci anche ad irrobustire la dotazione finanziaria dell’avviso, per non deludere le aspettative”. Articolo correlato: Bando commercio. Sistema Puglia va in tilt

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!