L'opposizione occupa l’Aula: ‘Vendola resti o vada via’

Bari. I consiglieri di minoranza sollecitano il presidente pugliese a governare “a tempo pieno” oppure ad abbandonare l’incarico

BARI – Striscioni come allo stadio. Anzi come alle occupazioni, perché di una vera occupazione si tratta. I consiglieri del Pdl e de I Pugliesi hanno infatti occupato l’aula del Consiglio regionale per sollecitare il presidente Nichi Vendola a prendere una decisione. “Faccia sapere cosa intende fare – si legge sulla bacheca facebook di Saverio Congedo -. Se deve restare, provi a governare pienamente e non nei ritagli di tempo; se sceglie di andare via, non faccia invece perdere tempo ad una Regione che non può permettersi i costi di tatticismi personali e di partito. In assenza di risposte chiare, non resterà che promuovere una mobilitazione per chiamare a raccolta quella stragrande maggioranza dei Pugliesi che ha sfiduciato Vendola ed i suoi compari. La Puglia ha bisogno di un governo”. “Vendola deve dire con chiarezza e in tempi brevi se intende optare per il Parlamento o concludere la consigliatura regionale”, ha aggiunto il capo gruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese. “L’iniziativa è stata presa dei vertici di Pdl e del movimento I Pugliesi per lanciare un messaggio forte – ha aggiunto Palese – al presidente Vendola, invitandolo ad avere un comportamento rispettoso delle istituzioni e dei cittadini pugliesi. Si tratta di un’iniziativa adottata con urgenza – ha aggiunto il capogruppo Pdl – ed è aperta anche al contributo degli altri partiti. L’occupazione si protrarrà fino a giovedì 7 marzo alle 19. Anche in questo caso dimostriamo il nostro senso di responsabilità, non intendendo con l’iniziativa odierna paralizzare l’attività istituzionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment