Colmare il sottopasso killer. Borgia: ‘Idea mia’

Lecce. Il consigliere di Lecce città del Mondo rivendica la paternità della proposta di interramento del sottovia ora al vaglio dell’Amministrazione

LECCE – Colmare il sottopasso e creare una sistemazione con semaforo o a rotatoria. E’ la proposta che il Comune di Lecce sta valutando in queste ore relativamente al sottopasso di viale Japigia, denominato “killer” in seguito al decesso per annegamento, nel 2009, dell'avvocato 81enne Carlo Andrea De Pace. Una proposta avanzata già diversi anni dall’attuale consigliere di Lecce città del mondo Gianluca Borgia che oggi esprime soddisfazione per l’interesse dimostrato dall’Amministrazione nei confronti della sua idea. “Ho letto una dichiarazione dell’assessore al Traffico e alla Mobilità, Luca Pasqualini, che l’Amministrazione cittadina sta valutando concretamente la mia proposta, già espressa nell’ottobre del 2004 e poi sempre ribadita nel 2009, nel 2010 ed infine nel 2012, in occasione di ripetuti episodi drammatici – ed in un caso addirittura mortale – verificatisi nel sottopasso di viale Japigia. Certamente se questa idea fosse stata valutata attentamente dai tecnici comunali dell’epoca, si sarebbero potute evitare le drammatiche situazioni succedutesi nel tempo e si sarebbero evitate spese inutili ed inefficaci, come impianti di sollevamento delle acque, impianti acustici e luminosi con sbarre non sempre ben funzionanti, impiego straordinario di vigili urbani, nonché sequestri giudiziari, denunce, avvisi di garanzia, contenziosi con risarcimenti, e soprattutto vite umane”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!