Disservizi Trenitalia. Congedo interroga Minervini

Lecce. Il consigliere del Pdl chiede all’assessore regionale di aprire una vertenza contro la compagnia ferroviaria

LECCE – Dopo l’ennesimo disservizio che si è verificato sulla tratta ferroviaria Lecce-Milano, per cui i passeggeri dell’intercity notte 752 sono stati costretti a raggiungere il capoluogo lombardo in bus, il consigliere regionale del Pdl Saverio Congedo ha presentato un’interrogazione all’assessore ai Trasporti della Regione Puglia Guglielmo Minervini per sollecitare l’apertura di una vertenza generale con Trenitalia. “Ancora una volta – sottolinea Congedo – Trenitalia penalizza gli utenti del Salento e della Puglia. E’ inconcepibile che per un problema tecnico si sostituisca il viaggio con le cuccette da Lecce a Milano con uno a bordo di un pullman costretto a sostare innumerevoli volte nelle città lungo tutto il percorso e inevitabilmente giunto a destinazione con diverse ore di ritardo. Un problema, peraltro, non improvviso, ma noto già da diverse ore. Una scelta discutibilissima sul piano dei criteri della mobilità, oltre che una palese mancanza di rispetto per chi ha pagato quel viaggio. Non è un caso isolato, purtroppo, ma l’ultimo di una serie di episodi (non solo meno treni e tariffe più alte) che confermano che Trenitalia da tempo non ha alcun riguardo per gli utenti pugliesi e del Salento in particolare. La malcelata volontà isolazionista dell’azienda nei confronti del nostro territorio sta calpestando senza ritegno i diritti dei nostri utenti. Per questo – fa sapere il consigliere regionale – ho rivolto una interrogazione all’assessore ai Trasporti della Regione Puglia Guglielmo Minervini per sollecitarlo ad aprire una vertenza con Trenitalia che consenta di fermare quella che è una strategia mortificante per gli interessi dei viaggiatori della Puglia e del Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!