Maria Luisa Mastrogiovanni assolta

Casarano. 'Il fatto non sussiste'. Il giudice Sergio M. Tosi ha assolto con formula piena la direttora del Tacco dall'accusa di diffamazione verso Paolo Pagliaro

Dopo la richiesta di assoluzione da parte dell'accusa, il giudice del Tribunale di Casarano dott. Sergio Tosi, ha assolto Maria Luisa Mastrogiovanni per tutti e 12 i capi di imputazione. Il fatto non sussiste. E’ la sentenza con la quale è stata assolta dall’accusa di diffamazione a mezzo stampa la giornalista Maria Luisa Mastrogiovanni, direttore del Tacco d’Italia. A portarla davanti al Tribunale penale di Casarano, presidente Sergio M. Tosi, è strato Paolo Pagliaro, editore televisivo salentino molto noto, a sua volta protagonista di alcune vicissitudini giudiziarie, ma come imputato. Proprio queste vicende (l’uomo subì anche gli arresti domiciliari per un’inchiesta della procura barese, il cui processo è stato stralciato dal troncone principale nel quale è stato invece condannato l’ex ministro Fitto), insieme ad una serie di irregolarità e stranezze nella conduzione della sua azienda, costituirono l’oggetto di una corposa inchiesta di copertina de Il Tacco d’Italia, andato in edicola nel dicembre 2005. Un servizio molto ampio, dettagliato e documentato come bella consuetudine di questa testata, corroborato anche da autorevoli testimonianze, come quelle del giornalista Marco Travaglio e dell’allora presidente dell’Ordine dei giornalisti di Milano, Franco Abruzzo. Nell’udienza odierna il pm ha chiesto l’assoluzione dell’imputata, non avendo ravvisato nel dibattimento gli elementi che avevano invece indotto il pm dell’istruttoria, dottor Antonio De Donno, ad individuare ben 12 punti sui quale chiedere (e poi ottenere) il rinvio a giudizio di Mastrogiovanni. La parte civile, rappresentata dall’avvocato Angelo Pallara, ha chiesto la condanna della giornalista, sostenendo il suo reiterato intento “persecutorio” nei confronti del suo assistito; la difesa, rappresentata dall’avvocato Massimo Manfreda, ha invece rivendicato non soltanto la correttezza dell’impianto giornalistico dell’inchiesta su Pagliaro (il cui titolo era “L’impero virtuale”) ma, soprattutto, il sacrosanto diritto dell’informazione a dare notizie ed elaborare critiche. “Specialmente quando l’oggetto dell’attenzione professionale è un uomo pubblico”, ha sottolineato Manfreda. Oggi, più di ieri, Pagliaro è “pubblico” essendo addirittura candidato alla Camera con un partito di destra, dopo essere stato candidato nelle primarie per diventare sindaco di Lecce. Massimo Manfreda ha concluso con la famosissima battuta di Humphrey Bogart, giornalista nel film L’ultima minaccia, del 1952. “E’ la stampa, bellezza”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!