Si scaglia contro i carabinieri. Dai domiciliari al carcere

Melissano. Luca Santoro ha tentato di ferire i militari con un tubo in ferro e poi con un coltello

MELISSANO – Danneggiamento, minaccia, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Sono i reati contestati dai carabinieri a Luca Santoro, 32 anni, di Melissano, sottoposto al regime degli arresti domiciliari. I militari, dopo aver effettuato un consueto controllo del giovane presso la sua abitazione, mentre uscivano da casa hanno sentito la madre del 32enne richiedere aiuto. Così sono immediatamente rientrati in casa ed hanno visto Santoro distruggere vari sopramobili con un tubo in ferro. Una furia che non si è placata nemmeno alla vista dei militari e che anzi si è fatta ancora più violenta. Così il giovane ha continuato ad inveire nei confronti dei carabinieri ed ha tentato di colpirli dapprima con il tubo in ferro e poi anche con un coltello dalla lama di circa 20 cm. Dopo alcuni minuti, ed a fatica, i militari sono riusciti a fermarlo, anche con l’ausilio dei colleghi della Radiomobile di Casarano. Il sostituto procuratore di turno ha disposto l’accompagnamento dell’uomo in carcere.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!