Raccolta lampade esauste. Puglia, 11esima in Italia

Tra le province pugliesi, nel 2012 la più virtuosa è stata Bari con 12.784 kg di lampade raccolte. Al secondo posto, Lecce con 9.486 kg

Con 40 tonnellate di lampade a basso consumo esauste raccolte, la Puglia si colloca all’11esimo posto della classifica nazionale. La graduatoria è stata stilata da Ecolamp, Consorzio senza scopo di lucro che si occupa di raccolta e al riciclo delle lampadine a basso consumo esauste e che diffonde i dati positivi della raccolta 2012. Allo stesso tempo, tuttavia, Ecolamp segnala i numerosi ostacoli che tuttora limitano la raccolta dei rifiuti Raee (scarsa informazione da parte delle istituzioni e ostruzionismo della distribuzione nel ritiro “uno contro uno”, obbligatorio per legge). La regione Puglia ha raccolto nel 2012 oltre 40 tonnellate di lampade a basso consumo a fine vita (40.248 kg). In particolare, oltre 16 tonnellate (41% del totale, 16.455 kg) sono state raccolte grazie al contributo dei cittadini privati che si sono recati presso i Centri di raccolta comunali; le restanti 24 tonnellate sono state recuperate grazie ai servizi messi a punto dal Consorzio Ecolamp dedicati al pubblico di installatori e professionisti del settore illuminotecnico: 19 tonnellate grazie al ritiro gratuito Extralamp, 975 kg attraverso la consegna del materiale presso i Collection Point e quasi 4 tonnellate presso i Grandi Centri (centri di raccolta convenzionati con il Consorzio). Guardando alle singole province pugliesi, è stata Bari la più virtuosa, con 12.784 kg di lampadine raccolte. Al secondo posto, Lecce con 9.486 kg. Seguono Taranto (8.886 kg), Bat (4.317 kg), Foggia (3.355 kg) e Brindisi (1.418 kg).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment