Viola i domiciliari. Torna in carcere

Nardò. Egidio Prete era stato arrestato per rapina ed estorsione aggravate da modalità mafiose

NARDO’ – Era stato arrestato a gennaio dello scorso anno per rapina ed estorsione aggravata dalle modalità mafiose, consumata ai danni di un venditore ambulante di crepes di Nardò. Per questo Egidio Prete, 32 anni, era stato condannato alla pena di anni tre di reclusione e 400 euro di multa. Dopo un periodo trascorso in carcere aveva beneficiato della misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, ma nel corso dei controlli non è risultato presente in due occasioni mentre in un’altra circostanza si è lasciato andare a minacce e ingiurie nei confronti degli agenti. La sua cattiva condotta è stata quindi segnalata al giudice che con provvedimento della I° Sezione Penale della Corte d’Appello di Lecce, ha disposto la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment