Diocesi Nardò-Gallipoli. Ruperto eletto amministratore

Nardò. La nomina, temporanea, è avvenuta ieri all’unanimità per coprire il posto rimasto vacante dopo l'insediamento di Caliandro nell’arcidiocesi di Brindisi-Ostuni

NARDO’ – Monsignor Luigi Ruperto è il nuovo amministratore diocesano della diocesi di Nardò-Gallipoli. L’elezione è avvenuta ieri all’unanimità nell’ambito del Collegio dei consultori. Con l’insediamento di Domenico Caliandro nell’arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, avvenuto sabato 5 gennaio durante una solenne concelebrazione eucaristica nella Cattedrale di Brindisi, la sede episcopale di Nardò-Gallipoli era rimasta giuridicamente vacante. In attesa che la Santa Sede nomini unnuovo vescovo, sarà dunque Ruperto a svolgerne le funzioni. Luigi Ruperto, 70 anni, originario di Alezio, è stato vicario generale (dal 2001) sotto l’episcopato di Domenico Caliandro e convisitatore della Visita Pastorale (2006-2009). Parroco della parrocchia Maria SS. Immacolata in Chiesanuova (Sannicola) sin dal 1972, è anche ‘prelato d’onore di Sua Santità’ (dal 2008) e direttore dell’Istituto di scienze religiose “San Gregorio Armeno” in Nardò. Secondo il diritto canonico, l’amministratore diocesano ha il compito di reggere la diocesi con la potestà e gli obblighi del vescovo diocesano nel periodo della sede vacante. Il suo governo “ad interim” ha tuttavia il carattere della provvisorietà, e non può pertanto procedere a innovazioni o cambiamenti drastici nell’organizzazione della diocesi. Luigi Ruperto riceverà sacerdoti e fedeli laici nei giorni di apertura della Curia vescovile di Nardò (lunedì, martedì, mercoledì dalle ore 9-13) e su appuntamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment