Troppi contratti in scadenza il 31. La Cgil in piazza

Lecce. Parte oggi la campagna di informazione e assistenza sindacale e legale per i lavoratori precari con il contratto in scadenza a fine anno

LECCE – Il numero di lavoratori della provincia di Lecce per i quali il primo dell’anno coincide con il primo giorno di disoccupazione è altissimo. Numerose sono le tipologie di contratti a termine tra le quali si barcamenano lavoratrici e lavoratori, giovani e meno giovani: dal contratto a tempo determinato, a quello a progetto, dalle prestazioni occasionali al contratto a chiamata. Secondo i dati dei centri per l’impiego della provincia, nel primo trimestre 2012, quasi oltre il 77% delle nuove assunzioni sono rapporti di lavoro a scadenza, tra contratti a tempo e prestazioni occasionali. Nessun settore ne è escluso: pubblico impiego, edilizia, metalmeccanico, turismo, commercio, servizi, agroindustria, manifatturiero, mondo della conoscenza e dell’informazione. Il precariato permea un mercato del lavoro che in alternativa offre poche prospettive a una vasta platea di persone che spesso ha raggiunto i livelli massimi dell’istruzione e che deve accontentarsi di ciò che il territorio offre a molti di loro: sottooccupazione, salari bassi, lavoro subordinato mascherato da collaborazioni autonome. L’alternativa è rappresentata dalla piaga che ferisce il Paese: quasi il 36% di disoccupazione giovanile che nel Sud lievita al 50%. Una condizione che fa del ricatto occupazionale l’arma di scambio per i diritti. Nel frattempo, nella provincia di Lecce, i licenziamenti per motivi economici di singoli lavoratori (anche a tempo indeterminato) hanno registrato una preoccupante impennata, così come sono già partite alcune vertenze di lavoratori precari, che con la riforma Fornero “rischiano la stabilizzazione”, ai quali le aziende hanno tentato di porre l’aut aut: o dimissioni (perdendo i diritti maturati) o fuori. La Cgil intende tutelare i diritti di questi e altri lavoratori che si rivolgono al sindacato per vincere la loro battaglia per il lavoro e la dignità, ma sono ancora tanti i lavoratori che non conoscono gli strumenti a loro disposizione. Per questo, nei prossimi giorni, la Cgil sarà per le strade dei centri cittadini e commerciali di Lecce e provincia. “Capodanno 2013, non passarlo da solo!” è una campagna straordinaria, promossa a livello nazionale dai Giovani non + disposti a tutto e dal Nidil: una campagna di informazione, assistenza e tutela legale e sindacale per i lavoratori il cui contratto scadrà il 31 dicembre e che rischia di non essere rinnovato: saranno a disposizione i responsabili del sindacato, del Patronato Inca, dell’Ufficio Vertenze e i legali convenzionati con la Cgil. La campagna scenderà in piazza oggi ed in altre tre occasioni fino alla fine dell’anno. Ecco il calendario: oggi – ore 17 – Lecce via Trinchese (angolo Zara) 28 dicembre – ore 10 – Surbo (Ipercoop) 28 dicembre – ore 17 – Tricase – Piazzale Ospedale 30 dicembre – ore 10.30 – Galatina, Centro

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment