San Cesario: arti e cultura nel laboratorio urbano

San Cesario. L’inaugurazione del nuovo spazio è prevista per le 19. Le attività saranno gestite dalla cooperativa sociale Teatro dei veleni

SAN CESARIO – Sarà sede di laboratori di grafica e di teatro per adulti e bambini, di una biblioteca, di una postazione internet a favore di disabili ed inoltre, fulcro della promozione e diffusione di tutte le attività che si svolgeranno presso gli altri Comuni. Sarà inaugurato oggi alle 19 il laboratorio urbano “Palazzo Ducale” di San Cesario in via Vittorio Emanuele II. Il Teatro dei Veleni Cooperativa Sociale a r. l., realtà attiva sul territorio da 16 anni nell’ambito della ricerca e formazione teatrale, è aggiudicatario da aprile 2010 dei “Laboratori Urbani S.A.R.E.M.O.” – Finanziamenti Regionali “Bollenti Spiriti” e gestirà le attività nei Comuni di San Donato di Lecce (capofila), San Cesario di Lecce, Arnesano, Monteroni di Lecce, San Pietro in Lama. Il progetto pone l’attenzione sulle passioni che caratterizzano il mondo giovanile: musica, teatro, danza, grafica e fumettistica per ragazzi. L’idea progettuale volge lo sguardo verso le relazioni, i contenuti, le forme, i generi, le istituzioni, i soggetti, il mercato della produzione artistica che caratterizza la dimensione della comunicazione. La musica, il teatro e la danza sono i fenomeni espressivi più diffusi. Ecco allora la necessità di creare luoghi strutturati nei quali incanalare positivamente tal genere di spinte creative con l’obiettivo di trasformarle in prodotti culturali e produzioni artistiche, capaci di attivare segmenti di mercato che possano dare il giusto spazio ai talenti in erba. Il laboratorio urbano che da oggi aprirà i battenti non aspetta altro che rispondere a questa necessità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment