Servizi pubblici. Il gradimento in un’emoticon

Lecce. 36 piccoli Comuni salentini hanno aderito all’iniziativa. Apripista Palmariggi

LECCE – Verde, gialla o rossa. Tra faccine colorate simboleggeranno il gradimento (più o meno alto) dei servizi offerti dagli uffici pubblici. Ed i giudici dei servizi saranno i cittadini, ovvero i fruitori dei servizi stessi. Che a breve potranno esprimere il proprio voto cliccando sui pulsanti dei terminali touchscreen ubicati agli sportelli di 36 piccoli Comuni salentini con popolazione inferiore a 5mila abitanti che hanno aderito al progetto ministeriale “Mettiamoci la faccia”. La Provincia di Lecce ha coordinato le attività allo scopo di consentire la rilevazione in maniera sistematica della soddisfazione degli utenti, attraverso l’utilizzo delle interfacce emozionali (le cosiddette emoticon). A 36 piccoli Comuni (Acquarica del Capo, Arnesano, Bagnolo del Salento, Botrugno, Cannole, Caprarica di Lecce, Carpignano Salentino, Castrì di Lecce, Castrignano dei Greci, Cursi, Diso, Giuggianello, Giurdignano, Martignano, Melpignano, Miggiano, Minervino di Lecce, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Nociglia, Ortelle, Palmariggi, Patù, Salve, San Cassiano, San Pietro in Lama, Santa Cesarea Terme, Seclì, Sogliano Cavour, Specchia, Spongano, Sternatia, Supersano, Surano, Tiggiano, Zollino) è stato fornito il coordinamento nelle fasi relative alla costruzione e alla implementazione del sistema di rilevazione della “customer satisfaction”. Apripista il Comune di Palmariggi, che già da alcuni mesi ha avviato la rilevazione. L’attività di Palazzo dei Celestini, realizzata grazie all’attività dell’Ufficio Sistemi Interni di Controllo, e la collaborazione del Servizio Innovazione Tecnologica, ha interessato nello specifico: la raccolta delle adesioni, il coordinamento degli acquisti e delle consegne dei touchscreen, l’assistenza nella scelta del software da utilizzare nella raccolta dei giudizi e l’attivazione del sistema di rilevazione del grado di soddisfazione dei cittadini-utenti. Apprezzamento per l’iniziativa viene espressa dall’assessore provinciale all’Innovazione tecnologica Silvano Macculi: “Il valore aggiunto di questa innovativa modalità di rilevazione è quello di consentire ai cittadini ed utenti di poter esprimere, in maniera semplice e diretta, un giudizio sul servizio utilizzato e, contestualmente, di garantire alle Amministrazioni di disporre costantemente della percezione che gli utenti hanno dei servizi erogati: si tratta, dunque, di creare le condizioni per una partecipazione diretta del cittadino rivolta al miglioramento continuo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment