Nel Salento il Natale è artigiano

Lecce. Quattro giorni di produzioni tipiche e tradizioni. Così il territorio reagisce alla crisi

LECCE – Andare avanti guardando alla propria storia ed alle proprie tradizioni. Si quelle puntare per vincere la crisi. Ed il Salento ne ha di storia da raccontare. Per quattro giorni, quelli a cavallo della Festa dell’Immacolata, decine di aziende artigiane salentine – tutte produttrici di manufatti di qualità, rigorosamente certificati – esporranno il meglio della loro produzione artistica, offrendo a turisti e visitatori l’opportunità di conoscere da vicino le antiche tecniche di lavorazione di differenti materiali. Dalla pietra leccese alla cartapesta, passando per ceramica (terracotte e maioliche), legno d’ulivo, tessuti e ricami, vetri artistici e mosaico; tutto il meglio della produzione tipica farà bella mostra di sé per raccontare le radici del territorio. Non mancherà uno spazio dedicato alla degustazione di prodotti agroalimentari. E’ “Natale artigiano”, la mostra mercato dell’artigianato tipico salentino promossa da Camera di Commercio e Confartigianato Imprese Lecce che da domani al 9 dicembre accenderà l’atmosfera natalizia in piazza S.Oronzo. La mostra è concepita come un vero e proprio borgo antico, da cui riprende la vicinanza tra botteghe nel centro storico. Le aziende artigiane saranno ospitate in casette di legno disposte attorno all’Ovale e addobbate a festa, studiate per armonizzarsi con la preziosità artistica e architettonica del più importante “salotto” leccese. I manufatti esposti – dai tradizionali presepi e pupi in cartapesta, alle sculture in legno o in pietra leccese, fino alle ceramiche ed altre creazioni ispirate al tema del Natale – vedono combinare manualità e creatività, amore per l'arte in ogni sua forma e originalità. Per questo, ogni oggetto proposto diventa unico ed irripetibile. Obiettivo principale di “Natale Artigiano” è far conoscere al pubblico, in particolare ai più giovani, il percorso che si nasconde dietro ad un manufatto di qualità. L’allestimento di laboratori in diretta e la presenza dei maestri salentini costantemente impegnati nelle dimostrazioni pratiche delle varie fasi di lavorazione dei manufatti, consentirà di compiere un viaggio nel mondo dell’artigianato artistico locale visto dall’interno, svelandone i piccoli trucchi e i grandi sacrifici compiuti per apprendere il mestiere. Ma non finisce qui, perché “Natale artigiano” è anche sinonimo di divertimento per i più piccoli. All’interno della mostra mercato, infatti, sarà allestito un vero e proprio villaggio natalizio dedicato ai bambini, a cura dell’associazione di promozione sociale Magicò: ogni giorno, sono in programma attività di gioco e laboratori didattici tenuti da esperti animatori, dove ciascun bambino sarà impegnato nella realizzazione di coloratissimi biglietti di auguri, ma anche angioletti, stelle e altri simboli del Natale. Sabato 8 dicembre, nel villaggio dei bambini arriverà anche il noto attore per l’infanzia Oreste Castagna, direttamente da Rai Yoyo e programmi come la “Melevisione” (dove veste i panni di Gipo Scribantino, pittoresco direttore del “Fantabosco”), e “L’Albero Azzurro” (è sua l’indimenticabile voce di “Dodò”). L’artista bergamasco terrà un doppio spettacolo (gratuito), dal titolo “Storie di pace”, alle 11.30 e alle 18.30. L’inaugurazione di “Natale artigiano” avrà luogo domani, alle ore 17. La mostra mercato resterà aperta giovedì 6, dalle 17 alle 21; venerdì 7, dalle 17 alle 22; sabato 8 e domenica 9, dalle 10 alle 23. L’ingresso è libero. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la categoria Artigianato artistico, tradizionale e di qualità di Confartigianato, il Consorzio Artigiani della Provincia di Lecce e il Consorzio Ceramiche del Salento, e col patrocinio del Comune di Lecce. L’organizzazione è a cura di Big Bang snc.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment