Primarie. Durante: ‘Una lezione di democrazia’

Lecce. Il presidente provinciale del Pd invita il centrosinistra ad indicare Bersani quale candidato premier

LECCE – “All’Italia serviva una lezione di democrazia e partecipazione e mai come in passato il centrosinistra è riuscito a darla. Un fatto che ci riempie di grande soddisfazione e ci convince sempre più della possibilità di una politica migliore e di un futuro di speranza”. Cosimo Durante, presidente provinciale del Pd, commenta con toni di grande soddisfazione il risultato ottenuto da Pierluigi Bersani in occasione delle primarie del centrosinistra di ieri. Tuttavia, secondo Durante, il centrosinistra solo a metà dell’opera. Il suo è dunque un invito a “non mollare” per affermare definitivamente il valore del partito democratico ed il suo ruolo di guida nel percorso che l’Italia dovrà imboccare per ripartire. “Nessuno si illuda questa volta – dice Durante -: solo il contributo diretto del Partito Democratico si potrà far ripartire il Paese. Ecco perché abbiamo una grande occasione, dopo il risultato eccellente ed eclatante di domenica 25, adesso bisogna completare l’opera, portare a termine il processo avviato, raggiungere l’obiettivo di confermare a leader del centrosinistra, Pierluigi Bersani, e portare, insieme, la nostra forza al Governo dell’Italia”. Durante non vede spazio per ripensamenti e improvvisazioni. E facendo appello al clima di unione di convergenza di vedute che le Primarie hanno sviluppato in tutto il popolo di centrosinistra, invita a lascare agli “altri” le divergenze. “Il Salento ha dimostrato coraggio e determinazione facendo delle primarie una cosa seria al fine di rispondere in modo nuovo ai tanti bisogni emergenti. Alla crisi occupazione ed economica non deve corrispondere la crisi dei valori politici che, anzi, per noi è un patrimonio da accrescere e conservare. Avanti tutti insieme fino al riscatto del buon nome della politica con la P maiuscola”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment