A scuola d’Europa

Lecce. Il Centro di informazione Europe direct offre una lezione sull’Europa alle scuole elementari e medie del Salento

LECCE – Una lezione dal titolo “Scopriamo l’Europa” per le scuole elementari e medie del Salento. E’ l’opportunità offerta dal Centro di informazione Europe direct della Provincia di Lecce agli istituti scolastici che ne faranno richiesta. Le scuole interessate ad ospitare l’incontro possono contattare il consigliere Eures provinciale all’indirizzo [email protected]. L’iniziativa arriva in occasione dell’importante riconoscimento per la pace conferito all’Unione europea, ai suoi 500 milioni di cittadini, ai suoi 27 stati membri e a tutte le istituzioni europee. L’incontro didattico rappresenta la possibilità di ricordare insieme, in un percorso semplice e ludico, le tappe fondamentali che hanno portato a tale riconoscimento “per non dimenticare che il progetto europeo è nato dall’unione di nazioni che uscivano dalle rovine e dalla devastazione della Seconda guerra Mondiale, riunite in un progetto di pace basato su istituzioni sopranazionali che rappresentavano un interesse europeo comune. L’Unione Europea – sin da quando si chiamava Comunità europea – ha riunificato paesi separati dalla guerra fredda basandosi su valori quali la dignità umana, la libertà, la democrazia, la giustizia, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani e, tali valori devono entrare nel pensare comune delle giovanissime generazioni affinché le stesse imparino che l’Unione europea è qualcosa di molto prezioso da proteggere per il bene degli europei e del mondo intero”. (Dalla dichiarazione del presidente della Commissione europea José Manuel Durao Barroso sull’attribuzione del Nobel per la pace). L’iniziativa rientra nell’intenso programma di attività realizzate dal Centro di informazione Europe Direct – Eures della Provincia di Lecce (istituito presso il Servizio Formazione professionale e Lavoro), impegnato nelle azioni di sostegno a favore di studenti ed insegnanti, attori fondamentali di una delle più grandi sfide che l’Europa deve sostenere, la costruzione della scuola del XXI secolo e, con essa, dei cittadini europei.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment