‘Il caffè di Sindona’. Turone a Brindisi

Brindisi. Il magistrato presenterà il suo libro alle ore 17.30 a Palazzo Granafei Nervegna nell’ambito delle giornate di “Brindisi Capitale dell’Antimafia”

BRINDISI – La storia d'Italia è punteggiata di misteri. Uno dei più inquietanti è probabilmente quello della morte di Michele Sindona nel marzo del 1986. Su quella morte indaga il libro “Il caffè di Sindona. Un finanziere d’avventura tra politica, vaticano e mafia” di Gianni Simoni e Giuliano Turone.

Il caffè di Sindona

Il caffè di Sindona. La copertina del libro La causa del decesso è nota: un caffè al cianuro bevuto nella sua cella nel carcere di Voghera, un caffè simile a quello alla stricnina che uccise Gaspare Pisciotta ai tempi del bandito Giuliano. Ma chi mise il veleno nella tazzina? E perché? Per capirlo, è necessario ricostruire la biografia e la personalità del banchiere siciliano. Sindona è stato un grande protagonista degli anni Sessanta e Settanta. Finanziere potentissimo, intratteneva rapporti con importanti uomini politici al di qua e al di là dell'Oceano: nel 1973 Andreotti lo definì “salvatore della lira” e nel 1974 l'ambasciatore Usa in Italia lo premiò come “Uomo dell'anno”; era uno degli uomini di fiducia del Vaticano, e in particolare dello IOR diretto da Paul Marcinkus, ma aveva anche legami con la mafia. Iscritto alla P2 di Licio Gelli, fu lui a introdurre Roberto Calvi negli ambienti di quella loggia segreta, oltre che in quelli vaticani e in quelli mafiosi: i due banchieri erano infatti legati da un intrico di affari avventurosi che avrebbero portato entrambi alla rovina. Sindona fu processato e condannato per bancarotta fraudolenta sia negli Stati Uniti sia in Italia e successivamente fu anche condannato all'ergastolo come mandante dell'omicidio dell'avvocato Giorgio Ambrosoli, commissario liquidatore della sua Banca Privata Italiana. Giuliano Turone, magistrato ed autore del libro, sarà oggi (dalle ore 17.30) a Brindisi a Palazzo Granafei Nervegna a presentare il suo libro. All’incontro, coordinato da Angela Citiolo, presidente di Proteo Brindisi, prenderà parte anche l’avvocato Roberto Fusco. L’evento rientra nell’ambito delle giornate di “Brindisi Capitale dell’Antimafia”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati