Destra di Base, Ricchello responsabile del circolo di Ugento

Ugento. Il direttivo provinciale ha accolto la richiesta di un gruppo di simpatizzanti dando a Ricchello il compito di organizzare il circolo locale

UGENTO – Antonio Ricchello, 52 anni, mediatore conciliatore, è stato designato responsabile del circolo Destra di Base di Ugento in via di costituzione. Nella riunione provinciale svoltasi sabato presso la sede del circolo Destra di Base di Neviano, il direttivo provinciale dei circoli ha infatti accolto la richiesta di un gruppo di simpatizzanti ugentini del movimento ed ha incaricato Ricchello di organizzare e strutturare il circolo locale. Continua il processo di radicamento degli ex aennini della destra sociale guidati a livello provinciale da Giuseppe Chiffi e a livello regionale da Adriano Napoli. “E' necessario che il nostro movimento colmi nel più breve tempo possibile le immense lacune etico-politiche causate dallo scioglimento di Alleanza Nazionale – ha dichiarato Chiffi -. Occorre riorganizzare la militanza e la passione dei tanti ex aennini per troppo tempo ignorati, o peggio ancora sfruttati solo elettoralmente, dal Pdl e non solo”. “Solo la militanza politica attiva e appassionata può interpretare adeguatamente quella buona politica del fare che ha sempre ispirato il nostro impegno politico – ha detto Napoli -. Solo una buona organizzazione territoriale, totalmente svincolata da ogni obbligo elettorale con chicchessia, ci può consentire di affrancarci dal gioco sporco e letale della cosiddetta ‘casta politica’, che per insanabili incompatibilità etico-istituzionali ha sempre ignorato, maltrattato e contrastato la nostra presenza sul territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment