Scoperti 32 milioni non riscossi dai Comuni salentini

Lecce. Sono 197 i pubblici funzionari dei Comuni salentini finiti sotto indagine dei finanzieri per mancato aggiornamento degli oneri di urbanizzazione

La Guardia di Finanza di Lecce ha concluso una vasta operazione a tutela della spesa pubblica locale che ha interessato tutti e 97 i Comuni della provincia di Lecce e che ha permesso di rilevare un danno erariale complessivamente pari a 32.043.306 euro derivanti dal mancato aggiornamento dei così detti oneri di urbanizzazione e dei costi di costruzione. Nel corso dell'operazione sono stati segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari ben 197 dirigenti di settore e responsabili d’area che, a vario titolo, hanno ricoperto ruoli o incarichi all’interno degli uffici tecnici comunali. L’attività dalle Fiamme Gialle pugliesi, tra le più importanti compiute negli ultimi anni, è stata avviata nell’aprile del 2011 con un'indagine complessa volta ad individuare voce per voce le entrate derivanti dalla riscossione degli oneri di urbanizzazione e dei costi di costruzione. Il contributo di costruzione, che è una spesa posta a carico del costruttore a titolo di partecipazione ai costi delle opere di urbanizzazione, è infatti una obbligazione contributiva collegata all’emanazione del titolo edilizio da parte dei Comuni, la quale si compone, per l’appunto, degli oneri di urbanizzazione e dei costi di costruzione. Per quanto riguarda la corresponsione e quantificazione di dette somme, occorre osservare che il legislatore ha previsto che: – l'incidenza degli oneri di urbanizzazione debba essere stabilita dai Comuni in base a tabelle parametriche definite da ciascuna Regione (la Regione Puglia vi ha provveduto con legge regionale n. 6 del 12.02.1979, fissando, così, gli adempimenti per l'attuazione della cd. “legge Bucalossi” del 28 gennaio 1977, n. 10); – ogni cinque anni i Comuni debbano provvedere ad aggiornare gli oneri di urbanizzazione, in conformità alle disposizioni regionali, in relazione ai riscontri e prevedibili costi delle opere di urbanizzazione (ciò ai sensi dell’art. 16 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia); – nei periodi intercorrenti tra le determinazioni regionali, il costo di costruzione debba essere adeguato annualmente, ed autonomamente, in ragione dell'intervenuta variazione dei costi di costruzione accertata dall'ISTAT (l’ultimo provvedimento della Regione Puglia è rappresentato dalla deliberazione della Giunta Regionale n. 2081/2009 con la quale il costo di costruzione è stato fissato in €/mq 646,18). All’esito della vasta ed articolata attività – che ha preso in riferimento il periodo dal 1° gennaio 2007 al 30 giugno 2011 – la Guardia di Finanza salentina ha rilevato, in via generalizzata, sebbene variamente diversificata nelle conseguenze, che nessuno dei comuni della provincia aveva proceduto, entro i termini di legge, ai dovuti aggiornamenti di detti oneri di urbanizzazione e/o costi di costruzione; inoperosità, questa, che, pertanto, ha determinato il rilevante danno all’Erario poi constatato dai Finanzieri. Durante la lunga attività, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria hanno rilevato che diversi comuni erano fermi con l’ultimo aggiornamento degli oneri di urbanizzazione agli anni ottanta o ai primi anni novanta, ovvero che li avevano adeguati solo dopo un ventennio. Sebbene vi siano stati, comunque, comuni che hanno proceduto ai dovuti adeguamenti degli oneri di urbanizzazione entro i termini di legge previsti, i Finanzieri leccesi hanno, tuttavia, constatato che tutti, indistintamente, hanno omesso, invece, di aggiornare annualmente il costo di costruzione o comunque lo hanno fatto in modo errato. L’entità del danno accertato dalla Guardia di Finanza in capo ad ogni singolo Comune varia da un massimo di 6,6 milioni di euro ad un minimo di poco più di 2 mila euro, con un media di oltre 330 mila euro per Comune. Gli esiti dell’attività condotta sono ora, come detto, al vaglio della Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment