Rifiuti. Palese: ‘I cittadini pagano le colpe delle istituzioni’

Bari. IL capogruppo del Pdl in Regione sollecita un intervento congiunto di Via Capruzzi e Prefettura

BARI – “L’emergenza rifiuti nella provincia di Lecce deve essere affrontata e risolta da tutte le Istituzioni competenti e rivolgiamo un accorato appello anche alla Regione perché vigili su quanto accade e al Prefetto di Lecce affinché intervenga personalmente per porre fine ad una situazione che penalizza i cittadini due volte: pagano una salatissima Tarsu ai propri Comuni per poi ritrovarsi i rifiuti per strada”. Sull’emergenza rifiuti che in questi giorni sta tenendo sotto scacco l’intero Salento, interviene il capogruppo del Pdl alla Regione Rocco Palese, il quale sollecita l’azione congiunta di Prefettura e Via Capruzzi per porre soluzione al grave disagio che si avverte in tutte e tre gli Ato leccesi. “Se ci sono alcuni Comuni ‘morosi’ – aggiunge Palese -, non è giusto che venga impedito anche agli altri Comuni di accedere agli impianti di smaltimento e, soprattutto, non è giusto che i cittadini che hanno regolarmente pagato la Tarsu anche ai Comuni morosi, siano alla fine gli unici a scontare davvero questa vergognosa situazione. Chiediamo a tutte le Istituzioni coinvolte, ma in particolare al Prefetto di Lecce, di intervenire per evitare disagi e ingiustizie a carico dei cittadini che hanno diritto a ricevere il servizio per cui hanno ‘profumatamente’ pagato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment