Il bar dell’anno? Il 300mila Lounge. A Lecce

Lecce. Il bar ha ricevuto il Premio illy per la “capacità di incarnare l’imprenditoria virtuosa del sud”. Con i complimenti del sindaco Perrone

LECCE – Il bar dell’anno si trova a Lecce. Ed è il “300mila Lounge”, che ha la capacità di incarnare l’imprenditoria virtuosa del sud, valorizzando i gusti e i sapori del territorio con tecnica e professionalità, coprendo al meglio l’intera fascia dell’offerta quotidiana dalla colazione al dopo cena. Parola del Premio illy “Bar dell’anno”, giunto alla sua undicesima edizione. Un nuovo fiore all’occhiello all’ospitalità salentina, di cui essere fieri. Menzione speciale della giuria a “Tuttobene” di Campi Bisenzio per la giusta mediazione tra alta qualità e grandi numeri. Menzione ad personam a Corrado Assenza del “Caffè Sicilia” di Noto: “menzione speciale a Corrado Assenza, fuoriclasse della pasticceria italiana, che anno dopo anno continua a sorprenderci con le sue creazioni”. La giuria di giornalisti che ha decretato vincitore e menzioni speciali era composta da: Michela Auriti (Oggi), Andrea Cuomo (Il Giornale), Federica De Sanctis (Skytg24), Luciano Ferraro (Corriere della Sera), Licia Granello (La Repubblica), Rocco Moliterni (La Stampa) e Fernanda Roggero (Sole24ore). Bar dell’anno scelto dai lettori: il “Murena Suite” di Genova. // Perrone: “Per noi è una conferma” Il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, si congratula con i titolari del bar 300mila Lounge per il risultato conseguito. “Complimenti e auguri ai titolari del “300mila Lounge Bar” di Lecce, i carissimi Davide e Ekaterina De Matteis, per il riconoscimento che, meritatamente, si sono guadagnati. Grazie a pochi ma semplici ingredienti (dedizione, passione e competenza professionale) la loro attività – ormai punto di riferimento e consolidato luogo di ritrovo per tutti i leccesi – è riuscita a distinguersi a livello nazionale, aggiudicandosi il prestigioso premio “Illy Bar dell'anno”. Forse una piacevole sorpresa per loro, che svolgono al meglio il loro lavoro, sempre alla ricerca della serenità e della soddisfazione dei loro clienti; una bella conferma per me e per i miei concittadini: noi abbiamo già avuto modo di apprezzare la qualità del loro servizio e dei loro prodotti. Davide e Ekaterina hanno colpito l'attenzione dei giurati per le loro inconfondibili peculiarità, rappresentando l'imprenditoria virtuosa del Sud e donando alla nostra Puglia il gradino più alto del podio di questa autorevole classifica gastronomica. Ancora affettuosi auguri e complimenti ai titolari e all'intero staff del 300mila, cui auguro di continuare questo percorso ricco di significativi risultati, così da poter regalare alla nostra città ancora tante soddisfazioni“.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment