Rifiuti. Maniglio: ‘Una Commissione d’inchiesta sugli Ato’

Lecce. Il vicepresidente del Consiglio regionale attribuisce ogni responsabilità dell’emergenza al centrodestra

LECCE – La colpa dell’emergenza rifiuti nella quale versa l’intero Salento sarebbe del centrodestra. E’ il punto di vista di Antonio Maniglio (Pd), vicepresidente del Consiglio regionale, che attribuisce la responsabilità del disservizio alla cattiva gestione degli Ato e della Provincia, in mano al centrodestra ed annuncia di voler proporre, in Consiglio regionale, l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sulla gestione degli Ato. “Per anni – dice Maniglio – gli esponenti del Pdl, nel tentativo di colpire il governo regionale, hanno evocato un’emergenza che c’era solo nella loro testa. Oggi i rifiuti sono per strada e la destra è la prima responsabile dell’emergenza visto che tutti e tre gli Ato e la stessa provincia sono guidati dal centrodestra”. “I fatti parlano chiaro – continua l’esponente del Pd -: in provincia di Lecce, grazie alle scelte della Regione, la filiera dei rifiuti è pressoché completata e non abbiamo bisogno di portare i rifiuti fuori provincia, ma la gestione sul territorio rischia di farci diventare una piccola Campania. Adesso è il momento di fare i conti, cominciare dall’Ato 2 che è stata retta per lunghi anni dal prolifico, almeno a parole, assessore Macculi. I Comuni inadempienti nel versamento dei canoni sono irresponsabili, ma chi ha consentito tanto lassismo è parimenti colpevole. Ecco perché è auspicabile che, anche con la mediazione della Prefettura, si trovino soluzioni in grado di scongiurare l’emergenza. Ma è opportuno che la gestione degli Ato sia sottoposta a un controllo di merito per verificare come sono state utilizzate le risorse dei cittadini ed avere rassicurazioni che non ci sono stati, come pure denunciato da qualche sindaco, sprechi e abusi. Per questo motivo – annuncia Maniglio – in Consiglio regionale proporrò una Commissione d’inchiesta sulla gestione degli Ato in provincia di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment