Roba da studenti? Raccontala allo Sportello

Lecce. Un servizio di ascolto e sostegno agli studenti universitari. Promotrice del progetto, l’associazione Progetto Universitas

LECCE – Uno sportello di ascolto e di sostegno agli studenti universitari nella risoluzione dei problemi e dei conflitti personali di ogni genere. E’ l’iniziativa promossa dall’associazione “Progetto Universitas”, nell'ambito dei Servizi agli Studenti nei Comuni Sedi di Università e realizzata con il finanziamento dell’Anci, il patrocinio del Dipartimento della Gioventù-Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Comune di Lecce, in collaborazione con l'associazione Studenti Psicologia Unisalento e Officine Cantelmo. Il progetto si chiama “Incontro… L’altro-Sportello Ascolto, mentoring e consulenza Peer to Peer” ed è rivolto agli studenti dell'Università del Salento. Rientra infatti nei “Servizi da Studente a Studente” del progetto “Studenti al Centro 2” promosso dal Comune di Lecce. L'intento dello Sportello Ascolto-Consulenza Peer to Peer è quello di ad attivare un processo naturale di passaggio “di conoscenze, emozioni ed esperienze” tra studente ed erogatore del servizio con le finalità di favorire uno spazio di ascolto ed evidenziare eventuali situazioni problematiche; aumentare la capacità di problem solving degli studenti; potenziare la consapevolezza dei comportamenti positivi/negativi degli studenti in relazione a se stessi e ai pari; incrementare le competenze personali e professionali necessarie per lo svolgimento di attività di educazione “peer to peer” e di “mentoring”; favorire la comprensione delle dinamiche relazionali dei gruppi sociali; e molto altro ancora. Lo sportello è aperto ogni lunedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30 presso la Mediateca Polifunzionale Area Job Center-Officine Cantelmo (da settembre a dicembre anche il giovedì dalle 15.30 alle 17.30).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment