Latitante da mesi, arrestato a Lecce

Lecce. Antonio Marco Penza dovrà scontare nel carcere di Lecce la pena di cinque anni e due mesi per tentato omicidio in concorso

LECCE – E’ stato arrestato la scorsa notte, dopo mesi di indagini, Antonio Marco Penza, 29 anni, disoccupato, già noto alle forze dell’ordine. I carabinieri hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso lo scorso 2 febbraio dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Lecce che condanna Penza ad espiare la pena residua di cinque anni e due mesi di reclusione per tentato omicidio in concorso. Saputo che il ricercato si spostava con una motocicletta di grossa cilindrata usando sempre il casco, i carabinieri hanno concentrato le proprie ricerche proprio sulle due-ruote, finché non hanno individuato una Triumph Speed Triple, parcheggiata a Lecce, nei pressi dell’abitazione di alcuni parenti del 29enne. Dalla targa è emerso che la moto era intestata ad una persona residente in un Comune del Salento. Le ricerche si sono concentrate in zona, sino a quando, verso la mezzanotte è stata notata una persona, uscire da un’abitazione e dirigersi verso la moto, con il casco da motociclista già indossato. Bloccata, era proprio Penza. Addosso il ricercato aveva 4,5 grammi di cocaina e tre telefoni cellulari, nascosti in un borsello, che sono stati sequestrati. Per questa ragione è stato anche denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

telefoni Antonio Marco Penza

La droga ed i telefoni trovati addosso ad Antonio Marco Penza Nella mattinata di oggi è stato accompagnato nella Casa Circondariale di Bordo San Nicola dove dovrà scontare la pena. La condanna è scaturita dai fatti che si verificarono nel dicembre del 2002 quando Penza, insieme ad altri, aggredì una persona con un coltello a serramanico procurandogli lesioni gravissime. La vittima venne giudicata in prognosi riservata dai medici del Vito Fazzi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!