Carabiniere salva 14enne dal suicidio. Il plauso di Buccoliero

Il consigliere regionale sottolinea lo spirito di abnegazione e di attaccamento al lavoro delle forze dell’ordine

“In un giorno di comprensibile dolore, in cui il Salento porge il suo estremo saluto al carabiniere scelto, Manuele Bray, ucciso in Afghanistan, la storia di un carabiniere, che ha rischiato la propria vita per salvare dal suicidio una ragazzina di 14 anni, dimostra, ancora una volta, lo straordinario spirito di abnegazione di coloro che fanno parte della grande famiglia dell’Arma”. È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero in riferimento all’episodio che si è verificato ieri a Tricase: un carabinieri che, per salvare una ragazzina di 14 anni dal tentativo di suicidio, l’ha afferrata al volo, precipitando al suolo con lei (leggi qui). “Con grande altruismo e senso di responsabilità – prosegue Buccoliero – il carabiniere Cosimo Martella, non ha esitato un solo istante a mettere in atto tutte le misure per far desistere la 14enne dall’insano proposito di togliersi la vita, arrivando a precipitare con lei nel vuoto, da un’altezza di 6 metri, nell’estremo tentativo di afferrarla. Fortunatamente, nessuno dei due ha riportato ferite gravi, ma l’episodio mette in luce come i militari dell’Arma non esitino, un solo istante, a mettere in gioco la propria vita per salvare quella altrui. Coloro che indossano una divisa non sono supereroi senza paura, ma uomini e donne, che, con estrema umiltà, compiono la cosa giusta al momento giusto, in un slancio sconfinato di amore e di protezione, anche a costo della propria vita. Di questo, ogni cittadino onesto dovrebbe sentirsi orgoglioso ed onorato. Al carabiniere Cosimo Martella e all’intera compagnia di Tricase, che per diversi anni ho avuto l’onore di comandare – conclude Buccoliero – va il mio personale plauso per aver dimostrato, ancora una volta, la straordinaria umanità e l’incondizionata generosità dell’Arma”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!