Carabiniere morto. Il sindaco: ‘La città si ferma fino a domenica’

Collepasso. Il grande dolore del primo cittadino Paolo Menozzi che conosceva personalmente Manuele Braj. “A disposizione delle famiglie”

COLLEPASSO – Il dolore per la perdita di Manuele Braj, carabiniere scelto morto sul colpo nell’attentato di stamattina in Afghanistan, per il sindaco di Collepasso Paolo Menozzi è un dolore personale. Così lo definisce lui stesso, avvisato della tragedia stamattina poco dopo l’accaduto, direttamente dal Comando provinciale dei carabinieri. “Abitava a due passi da casa mia – dice Menozzi -; praticamente l’ho cresciuto”. Nelle parole commosse del primo cittadino si cela a fatica la disperazione per una tragedia che è difficile spiegare. “Era un ragazzo in gamba, infatti era alla sua quinta missione di pace. A soli 30 anni ha dato esempio di attaccamento al proprio lavoro e di grande senso del dovere”. La telefonata dei carabinieri di Lecce ha lasciato Menozzi e l’intera comunità senza fiato. “Mi sono subito recato personalmente dalle due famiglie, quella di Manuele e quella della moglie, Federica. Entrambe famiglie molto stimate e molto amate in paese”. Saranno proprio le famiglie a decidere dove allestire la camera ardente dove rivolgere l’ultimo saluto Manuele che dovrebbe arrivare da Roma intorno alle ore 9 di mercoledì. Il Comune, da parte sua, ha dato la disponibilità del Municipio; ma i familiari del giovane potrebbero preferire la chiesa di Cristo Re. Intanto l’Amministrazione comunale ha disposto lutto cittadino da oggi fino alla chiusura dei funerali, che dovrebbero avere luogo giovedì e la sospensione di ogni attività ricreativa o manifestazione pubblica fino a domenica. Anche il Consiglio comunale, previsto per domani, è stato rimandato a data da destinarsi. La vita di un’intera comunità si è dunque fermata in segno di rispetto al giovane Manuele ed ai suoi cari. “E’ il minimo che potessimo fare per un nostro figlio”. Articolo correlato: Attentato in Afghanistan, muore carabiniere salentino

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!