Il risveglio. Eppure sapeva

Si accorse di essere solo da mesi. Tanti mesi che arrivavano a formare almeno due anni. E lui dov'era stato in questo frangente?

Si svegliò un mattino di dicembre inoltrato, quel dicembre carico di affanni e di sprazzi di vita, e si accorse di essere solo. Di essere solo da mesi. Tanti mesi che arrivavano a formare almeno due anni. E lui dov'era stato in questo frangente? In questo lasso tutto era andato avanti. Tutto, tranne le sue emozioni. La scoperta lo colse di sorpresa e lo lasciò stordito per due giorni. Due lunghi giorni durante i quali non faceva altro che pensarci e meravigliarsi. Pensava alla “novità” e si meravigliava per la rimozione della stessa. Lui lo sapeva già ma faceva finta di a. In passato le aveva parlato più volte del problema e aveva ben argomentato le sue motivazioni. Perché una volta smesso di parlarne se ne dimenticava? In realtà il motivo era ben semplice: lui la amava sopra ogni cosa. Un atto mancato che faceva comodo al suo ego. Semplicemente. Lui stravedeva e la adorava senza pudore. Come quella volta che si mise a dormire sotto casa sua, in auto, al freddo. Che bei tempi. Si ricordava di quel periodo con una tenerezza infinita, come se fosse trascorso un lasso immemore. Eppure erano passati solo pochi mesi… una manciata insignificante. Iniziò a parlare di lei al passato, come se non gli appartenesse più, come se non gli importasse più a di ciò che era stato. Sembrava cambiato. Erano trascorsi solo due giorni, é vero, ma lui non aveva fatto altro che pensarci. L'amore non è a senso unico, si ripeteva. L'aveva detto e ripetuto più volte ad una sua amica, dai capelli ricci, innamorata di un tizio che non la ricambiava, ma lei non voleva saperne. Lui apprese la lezione in poche ore. In poche ore aveva creato tanta distanza fra i due che se ne stupì. Addirittura gli dava fastidio pensare che lei potesse scrivergli. Questo accadde fra i due. Come finì la storia, non so dirvi. Forse non si sentirono sul serio. Oppure si incontrarono da vecchi in una casa di riposo con la tv al plasma e la radio a ricordare vecchie nenie. La cosa certa è che lui non le perdonò mai il fatto che lei avesse regalato il suo cuore e non il suo corpo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!