E stati sènza estate. Una giornata nell'Orto dei Tu'rat

Ugento. Un documentario, un concerto, varie performance artistiche. Il tutto per conoscere da vicino il progetto magico di spremere acqua dalla pietra

UGENTO – Spremere acqua dalle pietre. E’ il progetto magico di una allegra compagnia di sconsiderati sognatori che, nel Salento assetato, ha deciso di andare a cercare l'acqua non nel sottosuolo, non dalle falde, dove non c’è, ma di andar a stanare il Libeccio, incanalandone il “respiro” grigio e nero contro le mezzelune di sassi dell'Orto dei Tu'rat. L'umidità che ha sbattuto contro le grandi “vele di pietra” le ha impregnate in ogni loro piega e cavità e si è trasformata in acqua preziosa che ha dato linfa alle piante lì attorno. Sabato 23 giugno, dal tardo pomeriggio, prenderà il via “E stati sènza estate“, una giornata di festa all'Orto dei Tu'rat. Il fine è far conoscere, sostenere e autofinanziare il “progetto magico” di spremere acqua dalle pietre. Durante la festa è prevista la proiezione del documentario di Elisa Mereghetti e Marco Mensa “Le acque di Chenini”, una produzione Cospe. Dalle ore 22,00, concerto di pizzica e di musiche della tradizione popolare del sud con Ionica Aranea. A seguire, performances di artisti e musicisti salentini che hanno promosso il cd a sostegno dell’Orto dei Tu’rat (Ti disseterai in terreni aridi), che durante la serata verrà presentato. Per l'intera festa saranno in funzione stand gastronomici per la degustazione di specialità salentine. L’Orto dei Tu’Rat si trova sulla provinciale Felline-Torre SanGiovanni nel Comune di Ugento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!