Udc, Chirilli presidente provinciale

Lecce. La nomina nel corso dell’assemblea provinciale di lunedì. Chirilli ha rilanciato la necessità di puntare sulle giovani generazioni

LECCE – Francesco Chirilli è il nuovo presidente provinciale dell’Udc. La nomina è stata resa nota nel corso dell’assemblea provinciale dell’Udc di lunedì scorso dal coordinatore provinciale Salvatore Ruggeri. “Al senatore Chirilli spetterà il fondamentale compito di convocare periodicamente le assemblee – ha spiegato Ruggeri – perché occorre un confronto costante e costruttivo tra tutti noi, che siamo stati impegnati in queste elezioni, e che continueremo a farlo, soprattutto ora che la corsa al voto è finita. Il lavoro è appena cominciato e ora la sfida è radicarci sul territorio. In che modo? Mettendoci al servizio delle persone. Solo spiegando qual è la nostra direzione, riusciremo a raccogliere i frutti dei nostri sforzi”. Ruggeri ha poi aggiunto di accogliere il suggerimento di Giovanni Siciliano: “Il governo Monti, prima che finisca il suo mandato, dovrà istituire la tassa patrimoniale. Sarebbe un grande segnale di equità da parte del Governo e inoltre sarebbe un valido contributo alle finanze statali”. Di politica inclusiva ha parlato Chirilli, che ha rilanciato la necessità di puntare sulle giovani generazioni, dopo un ventennio “diseducativo e all’insegna dell’individualismo e del liberismo sfrenato”. Soddisfazione è stata espressa da parte del capogruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, che ha sottolineato come, in seguito alle ultime amministrative, l’Udc pugliese abbia il primato per tasso di elezione negli enti locali. Il consigliere al Comune di Lecce Luigi Melica ha invece posto l’attenzione sull’incognita della legge elettorale. “E’ questa – ha detto – la vera sfida per il nostro partito”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment