Taglio di Ostetricia. Pronto il ricorso al Tar

Casarano. Ieri il sit in di protesta con la costituzione di un Comitato formato da forze politiche e sindacali

CASARANO – Un sit in si è svolto ieri mattina davanti all’ospedale Ferrari per protestare contro la soppressione del reparto di Ostetricia deciso con provvedimento della Giunta regionale del 5 giugno scorso. L’iniziativa nata tramite invito diramato su facebook ha visto la spontanea partecipazione di numerosi cittadini, di tutte le forze politiche, di alcuni sindacati ed associazioni e del sindaco Gianni Stefano. Durante il sit-in si è costituito un Comitato ristretto con i rappresentanti delle forze politiche e dei sindacati presenti: PDL, Lista Stefano, CDC, Verdi, IDV, UDC, PD, API, [email protected]à, SEL, Comunisti Italiani, Casarano Viva, Casarano Sempre, ALI, Movimento Regione Salento, FLI, Sindacati CGIL, CISL, UIL CISAL Sanità. Nel corso dell’incontro i vari intervenuti hanno sottolineato positivamente la partecipazione corale di tutte le forze politiche al di fuori di steccati ideologici e condizionamenti di parte ed evidenziato la necessità di agire sul livello tecnico giuridico, portando avanti il ricorso al Tar preannunciato dal sindaco a conclusione dell’incontro di venerdì 8 giugno, e politico con il coinvolgimento di tutti i rappresentanti regionali del territorio salentino. E’ emersa anche la volontà di promuovere maggiore partecipazione della popolazione casaranese e dei paesi limitrofi che deve essere sensibilizzata ed invitata ad essere presente attivamente ed in maniera massiccia ad una manifestazione da tenersi sabato prossimo alle ore 19,00 con partenza da piazza San Domenico. Il messaggio trasmesso da parte di tutti i presenti è stato quello di dover pretendere dai propri rappresentanti in Regione Puglia ai vari livelli, le motivazioni oggettive delle scelte effettuate e l’impegno al rispetto del diritto alla salute di tutti i cittadini pugliesi con pari opportunità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!