Il direttore Kocsar inaugura la Sinfonica d’Estate

GUARDA I VIDEO. Lecce. Si parte oggi a Palazzo dei Celestini, ma sono previsti appuntamenti anche al Teatro Romano

LECCE – Una Stagione di tutto spessore. Con nomi di prestigio. Ci sarà anche il premio Oscar Luis Bacalov. Si parte oggi con la Stagione Sinfonica d'Estate dell'Orchestra Sinfonica Ico 'Tito Schipa'; appuntamento alle 21.30 nel Cortile di palazzo dei Celestini, a Lecce. 'Concerti, serenate, opera', il titolo della rassegna, scelto dal direttore artistico Marcello Panni. Una stagione che come lui stesso sottolinea viaggerà su tre binari, i concerti, le serenate e l'opera.

Marcello Panni-Direttore artistico orchestra Ico ” Tito Schipa” from Salento Quotidiano on Vimeo.

L’apertura vedrà salire sul podio il direttore ungherese Balázs Kocsár con la partecipazione del mezzosoprano Francesca Provvisionato. Verranno eseguiti l’integrale delle musiche di scena scritte da Ludwig van Beethoven per l’Egmont di Goethe, e due poemi sinfonici di Franz Liszt: il poco noto Hamlet da Shakespeare, e il più celebre Les Préludes, ispirato ad una poesia di Alphonse de Lamartine. Torna l'Orchestra 'Tito Schipa' per una stagione di spessore artistico e culturale come sottolinea Simona Manca, vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia.

Simona Manca-Vice Presidente della Provincia from Salento Quotidiano on Vimeo.

E di momento artistico di spessore parla anche Grazia Manni, direttore amministrativo della Fondazione.

Grazia Manni-Direttore amministrativo Fondazione “Tito Schipa” from Salento Quotidiano on Vimeo.

I Concerti sono legati dal fil rouge della musica a programma e delle trascrizioni (tra esse citiamo l’esecuzione di celebri pezzi dei Beatles per chitarra ed archi), ci saranno anche i grandi classici e grandi ospiti, come Luis Bacalov, che torna a Lecce dopo due anni. Le Serenate sono una delle due novità e prevedono la frammentazione dell’Orchestra in più formazioni (archi, ottoni e gruppo misto) e l’esecuzione di programmi da camera nello splendido Teatro Romano, che torna a rivivere sotto l’egida del nuovo Museo Storico della Città di Lecce, il MUST, un luogo ad abbracciare un altro evento culturale rilevante come dice Nicola Elia, dirigente dell' Ufficio Cultura del comune di Lecce.

Nicola Elia-Dirigente ufficio Cultura Comune di Lecce from Salento Quotidiano on Vimeo.

Ci sarà poi l’Opera, l'altra novità. Il mese di luglio, infatti, si chiuderà con due programmi lirici prodotti in collaborazione con il Conservatorio “Tito Schipa”, volti a far emergere voci nuove: nel primo verrà realizzata in forma di concerto “Le Nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart, con eccellenti giovani cantanti, formati nel laboratorio vocale della soprano barese Amelia Felle, mentre il secondo è dedicato alle Eroine Pucciniane, con la partecipazione straordinaria della soprano Fiorenza Cedolins (che canterà a Lecce per la prima volta) e degli allievi della masterclass in “Canto Lirico Pucciniano” che lei terrà nel capoluogo salentino sull’interpretazione di Bohème, Butterfly, Tosca eTurandot dal 23 al 31 luglio, sotto la direzione artistica di Panni. Le domande di iscrizione alla masterclass devono pervenire entro la data di scadenza del 15 luglio 2012 e le audizioni per l’ammissione si svolgeranno il 22 luglio. Appuntamenti di prestigio come sottolinea anche il vice presidente della Fondazione Eraldo Martucci.

Eraldo Martucci-Vice Presidente fondazione “Tito Schipa” from Salento Quotidiano on Vimeo.

Il bando può essere scaricato al link che riportiamo. http://www.provincia.le.it/documents/210462/421101/Corso+di+Formazione+in+Canto+Lirico+Pucciniano+2012. I biglietti, 10 e 5 euro a seconda dell'appuntamento in vendita presso il Castello Carlo V.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!