Quoziente familiare. Ruggeri: ‘Partiamo dalle famiglie con figli’

Lecce.Il ministro l’ha dichiarata una manovra inapplicate perché troppo costosa. La proposta dell’onorevole dell’Udc

LECCE – “L’incontro mondiale della famiglia e la visita a Milano di Papa Benedetto XVI hanno riportato l’attenzione sul cuore pulsante della nostra società: la famiglia. Non una semplice aggregazione sociale, ma l’unico vero ammortizzatore di una crisi che sta erodendo sempre di più le certezze e le speranze nel futuro, soprattutto per i nostri giovani”. Sono parole dell’onorevole dell’Udc Salvatore Ruggeri che ha dichiarato di accogliere con grande favore anche le dichiarazioni rilasciate ieri alla stampa da parte del ministro per la Cooperazione internazionale, Andrea Riccardi e relative ad un rilancio della politica familiare come cultura del legame e della vita. “Sarebbe ottimale, in questo senso – aggiunge Ruggeri -, rilanciare il quoziente familiare, uno strumento che l’Udc ha sempre abbracciato con entusiasmo e che permetterebbe alle famiglie consistenti risparmi. Sappiamo, come spiegato dal ministro Riccardi, che al momento non è possibile metterlo in atto, poiché occorrerebbe una copertura finanziaria di 17-20 miliardi di euro. D’altra parte, l’allarme lanciato proprio oggi dalla Corte dei Conti parla di un rischio recessivo, a causa dell’aumento della pressione fiscale sul Paese. La nostra proposta è di applicare il quoziente familiare solo alle famiglie con figli a carico: sono queste ultime, infatti, quelle che pagano maggiormente lo scotto di questa crisi. Partiamo da loro e, nel tempo, verificheremo se ci saranno le condizioni per estendere il quoziente anche a quelle senza figli”. “Siamo convinti – conclude Ruggeri – che questo potrebbe essere un segnale positivo, una risposta da parte delle istituzioni al disagio crescente dei cittadini: il rischio è che, in caso contrario, gli italiani sentano la politica sempre più lontana. Il ministro Riccardi avrà tutto l’appoggio possibile da parte nostra, affinché si applichi gradualmente un simile strumento. Pensiamoci concretamente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment