Gabellone: ‘Più giovani negli organismi del Pdl’

Lecce. Il coordinatore provinciale accoglie l’appello dei giovani a “contare di più”

LECCE – “Bene il coinvolgimento dei più giovani nella programmazione del Pdl, bene soprattutto questo grande entusiasmo e questa attenzione crescente che si sta registrando attorno alla nuova era del partito. Un desiderio di partecipazione significativo di quanto i giovani vogliano essere protagonisti delle scelte che il Pdl andrà a fare nei prossimi giorni e nei prossimi mesi”. E’ il commento del coordinatore provinciale del Pdl Antonio Gabellone alla richiesta dei giovani del partito di “contare di più”. Gabellone ha accolto l’appello e, assieme al vice coordinatore Francesco Bruni ha aggiunto un punto specifico all’ordine del giorno del Coordinamento provinciale di venerdì 25 maggio: un dibattito aperto e partecipato sul rapporto giovani-partito. “Un dibattito molto interessante – ha spiegato Gabellone – e dai contributi assai validi, al termine del quale abbiamo definito congiuntamente un percorso da realizzare nell’immediato futuro: incontrare i giovani per acquisire il loro contributo di idee e proposte, da raccogliere negli Stati Generali del Pdl, che si terranno tra fine giugno e gli inizi di luglio, dove un’apposita sessione dell’incontro sarà dedicata ai giovani, in maniera tale che tutti possano intervenire e immaginare, sognare il partito che verrà; ma non solo, la nostra volontà è quella di costituire uno strumento di partecipazione democratica tale da eleggere una rappresentanza fissa dei giovani nel Coordinamento Provinciale, evitando nomine dall’alto e indicazioni verticistiche. Con il nuovo Coordinamento abbiamo imboccato una strada nuova, l’abbiamo fatto con decisione e convinzione: ritrovare il feeling tra la gente e la politica e soprattutto tra i giovani, la classe dirigente e la società civile fuori dai partiti. In questa prospettiva il Pdl della provincia di Lecce ritengo abbia già giocato abbondantemente d’anticipo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!