Nello scooter, arnesi da scasso. Denunciato

Lecce. Gli agenti si sono insospettiti, vedendolo circolare contromano in zona universitaria

LECCE – Percorreva contromano una strada in zona universitaria e ciò ha destato l’attenzione degli agenti di una Volante. Subito i militari si sono messi sulle sue tracce anche se C.F, 32enne di Lecce, ha cercato in ogni modo di confonderli. Infatti ha prima spento lo scooter sul quale viaggiava e l’ha abbandonato praticamente a centro strada; poi ha cercato di nascondere il casco sotto un’automobile lì parcheggiata; infine, entrato in un bar, ha provato a gettare le chiavi del mezzo nello sciacquone del bagno per far credere agli agenti che non fosse di sua proprietà. Ciò, tuttavia, non è servito; e infatti i poliziotti l’hanno fermato ed hanno approfondito i controlli sullo scooter. All’interno del mezzo, e precisamente sotto il sedile, sono stati rinvenuti un passamontagna, uno scaldacollo in lana, una tronchese, due cacciaviti, una pinza in plastica, un chiavino esagonale, due chiavi inglesi, un mazzo di chiavi, un estrattore metallico, una treccia in rame. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro. Il 32enne è stato indagato in stato di libertà per i reati di porto di arnesi atti allo scasso e per essersi rifiutato di fornire indicazioni sulla propria identità. Nonostante la giovane età, l’uomo ha già alle spalle un curriculum penale di tutto rispetto: è stato scarcerato nel 2006 per spaccio stupefacenti, condannato per furto nel 2007 con pena sospesa, arrestato nel luglio 2010 per furto aggravato a Latina, denunciato per furto aggravato nel maggio 2010, e poi nuovamente per furto aggravato in appartamento nel luglio 2011. Gli agenti gli hanno ritirato la patente di guida, e verificato che era già segnalato come assuntore di stupefacenti e iscritto al Sert di Lecce; il motociclo è stato affidato in giudiziale custodia ad una ditta autorizzata, al fine di verificare se sia stato segnalato in altri reati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!