Alba Service, incarichi solo a legali leccesi

Lecce. Gianni D’Agata sottolinea la coincidenza dell’affidamento degli incarichi unicamente a studi legali leccesi e della candidatura di Damiano D’Autilia alle Amministrative del capoluogo

Sono diverse le richieste che Alba Service S.p.A., la Società di Servizi della Provincia di Lecce, ha avviato per il risarcimento danni subiti a guard rail, segnaletica ed accessori delle strade di proprietà dell’Ente Provincia. Ciò che più sorprende è che le domande risarcitorie siano state affidate in via stragiudiziale e quindi prima di qualsiasi contenzioso nei confronti dei responsabili, mediante incarichi legali attribuiti ad avvocati con studio a Lecce città, sia che i sinistri siano avvenuti nel Capo che nel Nord Salento leccese. Una prassi a dir poco inusuale se si pensa che le diffide in via bonaria potrebbero essere inviate direttamente dagli uffici preposti senza il conferimento di incarichi professionali ad alcun legale, come solitamente fanno tutti gli altri enti, specie se riferibili a pubbliche amministrazioni, tanto più che il pagamento dei compensi ed onorari da parte delle assicurazioni chiamate a garantire i responsabili dei sinistri, va ad incidere sul costo medio delle liquidazioni e quindi sui premi applicati nei confronti degli assicurati, recentemente già dilatati dall’aumento dell’imposta provinciale sull’RCAuto portata dal 12,5% al 16%. A rendere pubbliche tali circostanze è Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”. V’è da precisare, che non si conoscono ancora i dettagli ed i criteri con cui sia effettuata questa a dir poco sorprendente scelta “amministrativa” e su come vengano accreditati i professionisti, che si ribadisce, tutti con studio nel capoluogo salentino, oggi teatro delle amministrative leccesi nelle quali è candidato alla carica di consigliere anche l’amministratore unico di Alba Service S.p.A., dott. Damiano D’Autilia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!