Cicloattivi: dalla Regione, biciclette agli studenti salentini

Lecce. Ieri la consegna di 200 bici; prevista anche una ciclofficina ed un sistema informativo per la mobilità d’Ateneo

LECCE – Le biciclette invadono anche l’Università del Salento. Sono state consegnate ieri mattina infatti 200 biciclette agli studenti e sono già stati installati ciclo parcheggi da 20 posti bici per offrire un totale di 480 postazioni ai cicloattivi salentini. Il progetto prevede anche l’attivazione di una Ciclofficina presso la sede dell’Ateneo nel Codacci Pisanelli e la progettazione di un sistema informativo per la mobilità d’ateneo utile a raccogliere e fornire informazioni per i servizi di mobilità sostenibile. L’intento finale del progetto, illustrato dall’assessore regionale ai Trasporti Guglielmo Minervini, è far diventare la bicicletta un mezzo ordinario per muoversi. “E per questo – ha aggiunto Minervini -non basta la presenza di un anello ciclabile ma occorre riorganizzare gli spostamenti nelle città senza il mito sovrano dell’automobile. Oltre alla componente infrastrutturale deve essere prevalente un cambiamento nella dimensione culturale. Abbiamo quindi chiamato gli studenti universitari a essere le prime avanguardie, i testimonial della mobilità sostenibile in Puglia. Crediamo che loro possano essere in grado di innescare il cambiamento che potrà avere effetti emulativi positivi per tutti”. In dettaglio il 72% delle biciclette consegnate all'ateneo salentino è stato assegnato agli studenti in sede o fuori sede con regolare contratto d’affitto, inclusi gli studenti Erasmus; il 13% è riservato al personale interno ed il 10% alle associazioni studentesche e a tutte quelle associazioni che hanno collaborato all’organizzazione del progetto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!