Cinema. Dal Festival Europeo, l’idea di un Centro Sperimentale a Lecce

Lecce. L’idea è di Marcello Foti, direttore generale del CSC. Prevede una proposta formativa di “elevata specializzazione”

LECCE – “Nell'ambito del progetto di regionalizzazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, stiamo valutando con l'Università del Salento la possibilità di aprire una succursale a Lecce con una proposta formativa di elevata specializzazione”. Così ha dichiarato Marcello Foti, il direttore generale del Csc – Centro sperimentale di cinematografia a Lecce nel corso del XIII Festival del Cinema Europeo. “Uno dei cardini su cui si fonda questa ipotesi – ha proseguito Foti – è proprio il festival del cinema europeo di Lecce perché, pur essendo il Csc presente in tante manifestazioni, qui abbiamo consolidato una collaborazione molto stretta: da anni viene presentata al festival una vetrina dei lavori dei nostri allievi, da tre anni anche il premio Mario Verdone che del Csc fu direttore; inoltre questo festival dà molta attenzione al giovane cinema. Non sono poi estranei alla scelta della localizzazione l'elevata vocazione culturale della città di Lecce, il sostegno allo sviluppo del cinema dato da sempre in questa Regione, l'attività importante dell'Apulia Film Commission, il dato che gli allievi del Csc che non provengono da Roma arrivano per la maggior parte dalla Puglia”. Nelle prossime settimane sono previsti altri incontri anche con Enti Territoriali per poi formalizzare una vera proposta, ma già da ora l'Università di Lecce ha aderito con molto entusiasmo all’ipotesi di collaborazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!