Colpo di sonno, finisce sul guard rail. Muore a 35 anni

Lecce. La sua auto ha urtato lo spartitraffico e poi è stata rimbalzata finendo fuori strada. Nulla da fare per Alessio Maniglia

LECCE – La sua vecchia Lancia Ypsilon ha sfondato il guard rail ed è finita nella campagna. E per lui, Alessio Maniglia, 35 anni, ricercatore e docente al Cepu di Maglie, non c’è stato a da fare. Troppe le fratture multiple (alle costole ed al bacino) riportate. E’ accaduto ieri alle prime luci dell’alba. Alessio aveva trascorso la notte fuori, a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi, dove aveva assistito al convegno “Etica dell’alimentazione” nell’aula magna della scuola media San Francesco, con la partecipazione in videoconferenza di Margherita Hack. Poi si era trattenuto lì. Attorno alle cinque e mezza, l’ultimo bacio alla compagna e poi via per rientrare a casa. Sulla superstrada Brindisi-Lecce. E il destino beffardo ha voluto che la tragedia si consumasse proprio a due passi da casa, quando probabilmente il 35enne aveva abbassato la guardia sulla guida dal momento che conosceva meglio la strada. Poco prima del cavalcavia della concessionaria Bmw, la sua auto si è spostata sulla corsia di sorpasso ed ha urtato lo spartitraffico. Poi è stata rimbalzata, prendendo velocità e ritornando bruscamente al centro della carreggiata e poi contro il guardrail di destra. L’impatto è stato troppo violento e a hanno potuto fare i sanitari del 118 accorsi sul posto allertati da alcuni automobilisti di passaggio.

Alessio Maniglia, incidente

I segni della traiettoria seguita dall'auto di Maniglia A causare lo sbandamento è stato probabilmente un colpo di sonno o la semplice stanchezza accumulata nella serata. Altri dettagli saranno resi noti dopo che sul corpo del giovane ricercatore sarà effettuata l’autopsia. Intanto la pm Francesca Miglietta ha dato il “a osta” a consegnare la salma alla famiglia. I funerali si svolgeranno oggi pomeriggio nella chiesa parrocchiale di San Pio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!