Legalità nel mondo del lavoro. Protocollo Prefettura-Confindustria

Lecce. Ieri la sigla del documento finalizzato a contrastare il rischio di infiltrazioni mafiose nelle attività imprenditoriali

LECCE – Rafforzare le condizioni di sicurezza e di legalità nel mondo del lavoro. A questo serve il “Protocollo aggiuntivo” siglato ieri dalla prefetta della provincia di Lecce Giuliana Perrotta e il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris con il quale saranno ulteriormente potenziati nella provincia di Lecce i presidi di governance volti a contrastare i rischi di infiltrazioni criminali che influenzano fortemente e ostacolano il normale svolgimento delle attività imprenditoriali. Si tratta di un ulteriore passo nel rafforzamento delle condizioni di sicurezza e di legalità nel mondo del lavoro e punta al coinvolgimento delle associazioni territoriali e di categoria e delle imprese nell’etica della responsabilità, anche nell’ottica di operare scelte responsabili dei propri partners, dei subappaltatori e dei fornitori. Il “protocollo aggiuntivo” rientra nell’ambito delle iniziative provinciali finalizzate a rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto delle infiltrazioni criminali, secondo le indicazioni tracciate dal Protocollo siglato a livello nazionale dal Ministero dell’Interno e Confindustria. Testimone d’eccezione dell’incontro di ieri è stato Antonello Montante, delegato della Presidenza di Confindustria per i rapporti con le Istituzioni preposte al controllo del territorio e presidente di Confindustria Sicilia da cui ha avuto inizio il processo di affrancamento del mondo delle imprese dal condizionamento delle organizzazioni criminose. Con l'occasione, è stato sottoscritto un accordo con Ance Lecce per supportare le aziende nell'attuale fase di crisi e attivare una sorta di sinergia di intervento in materia di appalti pubblici, anche con l'attivazione di un “Focal Point Pa” finalizzato a monitorare e raccogliere le segnalazioni delle aziende associate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!