Basta affissioni abusive. La rivoluzione del buon senso targata Fusco

Brindisi. Roberto Fusco, candidato sindaco (Idv, Federazione delle sinistre, lista civica) stipula un contratto con penale per l’attacchino malandrino

Le città sono invase dai manifesti abusivi e la colpa è sempre dell’anonimo attacchino disonesto. I candidati? Cadono sempre dal pero, puri come colombe. Nessuno paga e i partiti si auto condonano le multe. Invece è possibile. E’ possibile fare una campagna elettorale senza per questo iniziare la propria carriera politica commettendo degli illeciti, senza affidarsi ad attacchini in nero che affiggano manifesti su spazi abusivi. Lo racconta il candidato a sindaco di Brindisi Roberto Fusco (Italia dei Valori, Federazione delle Sinistre e la lista civica “Si Roberto Fusco Sindaco”). “Ieri, nell'ordinare i manifesti – racconta – mi è stato evidenziato come se fosse un fatto di assoluta normalità, che non potevo ordinarne solo 100 pezzi, in quanto ogni sera i miei manifesti, pur essendo posti negli spazi consentiti dal Comune alla mia coalizione, sarebbero stati coperti da quelli degli altri candidati Sindaci e degli altri candidati consiglieri. Sono rimasto allibito: noi che ci candidiamo alla guida della Cosa pubblica e accettiamo di partire con questo segno d’inciviltà e di mancanza di rispetto delle regole. Di vera e propria violazione della legalità. Per non parlare di spreco di risorse economiche e di inquinamento dell’ambiente”. Così Fusco ha stipulato un contratto ponendo una penale a carico della persona incaricata, per l'ipotesi di affissione fuori dagli spazi assegnati. La rivoluzione del buon senso, della trasparenza, della legalità. Un bell’esempio da seguire a tutte le latitudini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!