Gli rubano la macchina. Finge di non riconoscerla

Campi Salentina. Il proprietario dell’auto, prima l’ha riconosciuta come sua, poi ha detto di essersi sbagliato. Denunciato per favoreggiamento reale

CAMPI SALENTINA – Denunciato a piede libero R.L., 60enne di Campi Salentina, per favoreggiamento reale. I fatti hanno avuto origine verso la fine del 2011, quando una pattuglia di carabinieri della Stazione locale, ha fermato nei pressi del rione Mammabella una berlina Alfa Romeo, con a bordo due pregiudicati del posto, M.G. e L.C.. Questa circostanza ha insospettito i militari inducendoli ad approfondire i controlli: l'auto risultava rubata nei primi giorni di dicembre. A corroborare l'esito degli accertamenti, il riconoscimento che il proprietario del mezzo, aveva inizialmente fatto. Conseguenza: i due a bordo sono stati denunciati per ricettazione. E qui la sorpresa: il giorno dopo, il derubato si è presentato in Caserma ed ha riferito di essersi recato presso il deposito giudiziario, di aver controllato meglio l'auto e di non averla riconosciuta come la sua. Insomma, a suo dire, si era sbagliato. L'atteggiamento contraddittorio non ha convinto il comandante della Stazione che, sotto la direzione del giudice, ha effettuato ulteriori indagini in merito. La svolta, nell'esame dei codici identificativi dell'auto. Infatti, se il numero di telaio è risultato abraso, intatto è rimasto quello del blocco motore. Insomma l'Alfa Romeo era davvero quella rubata al proprietario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!