Lisio Ferri: la Cenerentola del calcio ha un nuovo volto

Il difensore del Maglie si racconta e svela alcuni retroscena del suo percorso agonistico. “Gioco per amore del calcio e per ripagare gli sforzi della mia famiglia”.

Di calciatori turisti in giro per l’Italia ce ne sono tanti, forse fin troppi, ma di giocatori nati adulti e costretti a dribblare le avversità della vita tirando calci ad un pallone sono ridotti al lumicino. Uomini che nonostante l’anagrafe non lo attesti, brillano di luce propria perché hanno il gravoso compito di portare a casa la “pagnotta della dignità” attraverso uno sport che per molti è considerato erroneamente come l’attività dei mondani e dei modaioli. Ginocchia sbucciate, caviglie in disordine e tanto sudore senza mai smettere di coccolare sogni che solo la mente di un ragazzo cresciuto in fretta può immaginare. Lisio Ferri, leccese doc e attuale difensore del Maglie, è l’esempio che calza a pennello. Con mamma Fulvia casalinga e papà Romeo pittore, il piccolo Lisio ha fatto presto a rimboccarsi le maniche, facendo dell’amore per il calcio un lavoro già a 16 anni. Per riavvolgere il nastro del suo percorso agonistico bisognerà tornare al lontano 98, quando il giovanissimo Ferri ha calzato i primi scarpini presso l’Inter Campus di San Cesario. Un apprendistato tecnico che è proseguito con la Salento Football e che ha consentito al rampollo di Giorgilorio di affinare le sue doti calcistiche grazie all’ausilio di mister Davide De Pandis, unico vero totem del talento salentino. Una crescita tecnico-tattica costante che ha permesso all'attuale jolly di difesa del Maglie di forgiarsi nel ruolo del difensore ecclettico, roccioso ed elegante come centrale e veloce ed astuto nella posizione del terzino. Peculiarità e caratteristiche di cui ne hanno beneficiato piazze blasonate come Teramo prima e Castel di Sangro poi. Esperienze lontane dal territorio salentino dove l'atleta nostrano ha annoverato una presenza in C1 nella gara di coppa Italia tra Teramo e Sansovino e una serie di prestazioni super che lasciavano presagire al definitivo salto di qualità. Le avances di procuratori di spessore e i riflettori puntati addosso assumevano i contorni della grande occasione, di quei treni che passano solo una volta, ma all’improvviso è calato il buio: un prolasso mitralico e il conseguente intervento al cuore ne hanno compromesso l’ascesa a causa del gelo di certi agenti, i quali, da vestire i panni dei corteggiatori, hanno rispolverato l’abito dello scetticismo e di coloro che hanno nutrito pregiudizi sulle condizioni fisiche del giocatore. In realtà si è trattato di un lieve problema di natura cardiaca perfettamente superato come è stato dimostrato dall’ottimo rendimento in campo del ragazzo nelle ultime stagioni; una risposta a chi improvvisamente non ha creduto più in lui e un chiaro messaggio a chi si arrende alle prime difficoltà della vita senza provare a reagire, a combattere. “Il problema riscontrato alcuni anni fa mi ha tagliato le gambe nel mio miglior momento, ma la passione per questo sport e la fame che porto dentro mi hanno permesso di continuare a credere nelle mie potenzialità. Oggi gioco a Maglie dove mi trovo molto bene e anche l’ultima esperienza durata tre anni a Castel di Sangro certifica il mio perfetto stato di salute, ma il mio obiettivo – prosegue Ferri – è il salto di categoria per ripagare gli sforzi della mia famiglia, che fin da bambino mi ha sostenuto andando incontro a sacrifici immani pur di vedere realizzati i miei sogni. Un ringraziamento speciale va anche alla mia ragazza che negli ultimi due anni mi è stata sempre vicina seguendo con passione la mia pratica sportiva. Spero un giorno di togliermi qualche sassolino dalle scarpe con coloro che mi hanno voltato le spalle per un incidente di percorso dove probabilmente avrei meritato un pizzico di fiducia in più”. Dichiarazioni al veleno di un giocatore abituato a dare le migliori risposte sul rettangolo di gioco, pronto a entrare in scivolata su chiunque tenti di smarcare le sue nobili ambizioni.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!