Schianto sulla Brindisi-Lecce. Muore un 36enne

Lecce. Giuseppe Saracino è stato sbalzato fuori dalla sua Ford Ka. Illese altre tre persone a bordo di una Audi A4 e di una Fiat Nuova Punto

LECCE – Si conosce ancora poco su come siano andate le cose ieri sera. Ciò che si sa è che un uomo di 36 anni ha perso la vita per un brutto incidente stradale, attorno alle 21. Giuseppe Saracino, di Calimera, sposato e padre di due bambine, è stato sbalzato fuori dalla sua Ford Ka ed è stato scaraventato a terra. L’impatto, sulla superstrada Lecce-Brindisi, all’altezza degli svincoli tra Squinzano e Torchiarolo, non gli ha lasciato scampo. E’ morto lì, prima dell’intervento dei sanitari del 188, prima di ogni tentativo di salvargli la vita. Nell’incidente sono state coinvolte altre due auto, una Fiat Nuova Punto, sulla quale viaggiavano due baresi, ed una Audi A4, guidata da un giovane di Torchiarolo. Ma tutti gli occupanti le altre vetture sono rimasti praticamente illesi. Secondo le loro testimonianze, rese ai poliziotti della Stradale, all’altezza del curvone, Saracino avrebbe perso inspiegabilmente il controllo della propria auto in fase di sorpasso. Poi sarebbe andato a sbattere sul guard rail distruggendo il cofano motore e tutta la parte anteriore della sua macchina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!