Topi d’appartamento presi con le mani nel sacco. Due arresti

Seclì. Uno dei due malviventi lavorava presso l’impresa edile che si stava occupando della ristrutturazione della villetta

SECLI’ – La Ford Fiesta su cui viaggiano Giovanni Fusco, 32 anni, e Pierluigi Mangia, 35, di Galatina, procedeva a lenta velocità tanto da insospettire alcuni cittadini lì presenti. Uno di loro ha così segnalato la cosa al 112 mettendo in allarme i carabinieri; la Centrale operativa ha inviato sul posto, nella zona residenziale di Seclì, una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile di Gallipoli ed una della Stazione di Galatina. Arrivati nel luogo indicato, i militari hanno trovato la macchina segnalata, posteggiata all’esterno di una villa in ristrutturazione e vuota. Sulla porta di una villetta era stato posizionato un cartone a coprire un piccolo buco sull’ingresso. Compreso sin da subito che gli eventuali topi di appartamento potevano ancora essere all’interno, i militari hanno circondato l’abitazione e due di loro hanno fatto irruzione nell’immobile per verificare la presenza o meno di persone.

Giovanni Fusco

Giovanni Fusco

Pierluigi Mangia

Pierluigi Mangia Una volta dentro, i due giovani hanno tentato subito di scappare, salendo sul piano superiore dell’appartamento. I carabinieri si sono messi alloro inseguimento. Fusco ha tentato di fuggir dal primo piano scavalcando il muro di cinta, ma è stato catturato subito dopo da un militare che lo attendeva proprio lì; Mangia, fuggendo al secondo piano, ha tentato di scavalcare la rete metallica che divideva l’abitazione da quella accanto ed a quel punto ha perso l’equilibrio, cadendo al piano di sotto con un volo di circa 2 metri. In suo soccorso sono intervenuti i vigili del fuoco ed una ambulanza del 118. Mangia, in questi giorni, stava lavorando proprio presso la villetta per conto della ditta edile incaricata della ristrutturazione e pertanto sapeva molto bene come muoversi. Durante l’inseguimento, i due malviventi, hanno tentato di liberarsi di diversi sacchi contenti la refurtiva, ma ciò non è servito ad alleggerire la loro posizione. Tra l’altro, nella loro autovettura i carabinieri hanno trovato altro materiale asportato dalla casa, tra cui vari monili, ed arnesi finalizzati allo scasso, oltre a circa 7 kg di rame e ad una dose di eroina. Tutto il materiale veniva sottoposto a sequestro, mentre la refurtiva restituita al legittimo proprietario. I proprietari della villetta, una coppia del posto, avevano temporaneamente abbandonato l’abitazione per permetterne la ristrutturazione e si erano trasferiti in’altra casa in attesa del termine dei lavori. I due arrestati son stati trasportati presso il Comando della Compagnia di Gallipoli, da dove, dopo le formalità di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!