Fare casa? Meglio usata. Lecce seconda in Puglia per prezzi

Lecce. Comprare un immobile nel Salento costa 1.950 euro al metro quadrato per le nuove costruzioni, 1.800 per quelle usate

LECCE – In tempi di crisi è quasi una chimera. Eppure resta il sogno della vita: comprare casa. E proprio per via delle difficoltà economiche si fa sempre più strada la tendenza ad acquistare case di seconda mano. I prezzi scendono e non di poco: di circa 150 euro a metro quadrato rispetto alle nuove costruzioni. Restano tuttavia alti e spesso proibitivi per le giovani coppie. Così è in provincia di Lecce, che è la seconda provincia in Puglia, dopo Bari, per prezzo degli immobili. Stando ai dati resi noti dall’Osservatorio Casa.it Bari è la provincia in cui acquistare un immobile è più dispendioso: 2.600 euro al metro quadrato per un immobile di nuova costruzione a fronte dei 2.450 euro richiesti per un immobile usato. Lecce è la seconda della classifica, alquanto “staccata” dalla prima; i costi restano tuttavia considerevoli: una media di 1.950 euro al metro quadrato per il nuovo, 1.800 euro al metro quadro per l’usato. A Foggia, che si trova in terza posizione, la spesa per un appartamento di nuova costruzione si aggira sui 1.750 euro al metro quadro, cifra che supera di circa 150 euro quella richiesta per uno vecchio. Infine, con un prezzo medio di 1.550 euro metro quadrato per le nuove costruzioni, chiudono la classifica Brindisi e Taranto dove quelle usate si aggirano sui 1.450 euro. “Il nostro database ha permesso anche un’indagine approfondita dell’andamento della domanda del nuovo rispetto all’usato ha commentato Daniele Mancini, Amministratore Delegato di Casa.it -; si evidenzia un rialzo per le province di Brindisi e Foggia, a fronte di un trend stabile per le città di Bari, Lecce, e Taranto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!