Unione ciechi ed ipovedenti. Primi passi dell’Asl

Lecce. In seguito all’articolo del Tacco, la Asl ha voluto incontrare l’associazione per rimediare alle mancanze

LECCE – Buone nuove per la sezione leccese dell’Unione italiana Ciechi e Ipovedenti. L’associazione, che aveva lamentato scarsa sensibilità da parte dell’Asl locale verso alcune problematiche – disservizi, ritardi e mancato trasferimento di finanziamenti spettanti per legge – fa sapere che, anche a seguito del nostro articolo (la vicenda è riassunta qui https://www.iltaccoditalia.info/sito/index-a.asp?id=19706), la situazione è cambiata. “Vi è stato – si legge in una lettera firmata dal presidente, Antonio Maggiore – un avvicinamento da parte della Asl nei confronti dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Abbiamo infatti avuto un incontro con il direttore generale e con il dirigente del Servizio riabilitazione della Asl e se le premesse possono considerarsi promesse, queste sono da valutare positivamente”. Nel comunicato, inoltre, si fa una precisazione in merito al mancato trasferimento di fondi previsti dalla legge nazionale 284 del 1997. E’ dal 2006 che i finanziamenti – si evidenzia – non giungono a destinazione istituzionale. Si sa per certo, che dal Ministero della Salute sono stati trasferiti in Regione con vincolo di destinazione, “ma – continua il comunicato – sappiamo anche che dalla Regione non sarebbero mai stati destinati alla struttura che ne deve beneficiare. Ciò non significa però che siano stati utilizzati diversamente dall’Azienda sanitaria locale di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!