Buccoliero su Melica: ‘Un cambiamento necessario’

Lecce. Il presidente di MeP denuncia un “immobilismo politico” cui sarebbe necessario porre rimedio

LECCE – “Sono maturi i tempi perché i leccesi esercitino un loro fondamentale diritto, quello cioè di mandare a casa una classe politica, che ha trasformato Lecce in uno stagno, in cui annaspano, con sempre più evidente difficoltà, i soliti noti”. Sono le parole del consigliere regionale e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, a margine della conferenza stampa di presentazione del candidato sindaco del Terzo Polo, Luigi Melica. Buccoliero ha fatto riferimento ad un “immobilismo politico” che da anni vedrebbe progetti e programmi cedere il passo ad accordi politici dell’ultima ora, “tesi a salvaguardare – ha detto – questo o quel nome”. Un atteggiamento che può essere sconfitto, ha aggiunto il presidente di MeP, solo con la consapevolezza, da parte dei cittadini leccesi, che cambiare percorso è quanto mai necessario. “Quelle alleanze che vengono calate dall’alto, sforzandosi poi di farle passare come risposta ad una precisa volontà elettorale, rappresentano, invece, quel refugium salvifico che, ogni giorno di più, vede esaurirsi il suo potere taumaturgico. Occorrono chiarezza, concretezza, unità d’intenti e trasparenza per ridare vigore ad un’azione politica sempre più adagiata sui comodi cuscini delle convenienze politiche, degli accordi di partito e degli interessi personali. I cittadini chiedono a gran voce che si ragioni in funzione del bene comune e non del bene dei pochi e soliti privilegiati. In questo senso – ha concluso Buccoliero – i Moderati e Popolari sono impegnati in prima linea, perché si guardi ad un percorso di rinnovamento basato sul coraggio di cambiare nell’interesse di tutti e non all’ombra dell’inciucio di pochi”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!