‘Ricca e variegata’. E’ la Stagione Sinfonica di Primavera

GUARDA I VIDEO. Lecce. Partirà il 3 aprile al Teatro Politeama Greco ed è dedicata a Debussy nel 150esimo anniversario della nascita

LECCE – Diciamo subito che durante la presentazione della Stagione Sinfonica di Primavera, è stata consegnata alle associazioni di volontariato la quota di incasso dei concerti realizzati durante la Stagione autunno-inverno a sostegno delle loro attività. E diciamo ancora che durante l’incontro, un violino attribuito dalla Sotheby’s di Londra alla bottega di Jerome Tribouville-Lamy è stato donato dal professor Claudio Manzi, ricordo di famiglia, alla Fondazione Ico che in collaborazione con il Conservatorio di Lecce verrà dato in uso, annualmente, ad uno studente del Conservatorio che si sarà distinto per merito, e come dice il professor Manzi “è con grande piacere che doniamo questo violino alla Fondazione, violino che per noi ha rappresentato una storia di famiglia, perché prosegua a esprimere la sua musicalità”. Entrando in merito al Cartellone, quest’anno la Stagione di Primavera sarà dedicata a Claude Debussy nel 150esimo anniversario della nascita. Sarà “ricca e variegata” la Stagione dell’Orchestra Ico ‘Tito Schipa’, come dice Marcello Panni, direttore artistico e principale e partirà il 3 aprile al Teatro Politeama Greco di Lecce. “A cominciare dal Requiem di Cherubini che sarà eseguito il Martedì Santo dall’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, che dopo anni torna a collaborare con la Fondazione Ico ‘Tito Schipa’. L’Orchestra di Bari a sua volta, il 21 aprile ospiterà nella sua Stagione il nostro terzo concerto, con una prima assoluta di Ivan Fedele e Tosca Suite, in apertura del Festival di musica contemporanea ‘Silenzio!’”, come dice ancora Marcello Panni. Gianluigi Camicia, direttore del Conservatorio: Una stagione di indubbio spessore come sottolinea Simona Manca vicepresidente della Provincia. Soddisfazione esprime anche Grazia Manni, direttore amministrativo della Ico. Il filo conduttore della Stagione, come già detto, è il 150 anniversario della nascita di Claude Debussy. “Le sue composizioni, tra cui alcune di rara esecuzione, attraversano tutti i programmi sinfonici, poste a confronto con musiche di autori suoi contemporanei, da Puccini a Satie, da Frank a Saint-Saens, da Ravel a Offenbach” dice ancora il maestro Panni. Ecco il programma: martedì 3 aprile Concerto d’apertura per la Settimana Santa in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari direttore Angelo Cavallaro, soprano Mina Yamazaki, coro Modus Novus, maestro del coro Luigi Leo, musiche di Antonio Vivaldi, Sinfonia in si minore RV169 ‘Al Santo Sepolcro’, sempre di Vivaldi ‘Gelido in ogni vena’ dall’opera Farnace, di Gioacchino Rossini ‘Inflammatus’ dallo Stabat Mater. Di Luigi Cherubini, ‘Requiem’ in do minore per coro misto e orchestra. Sabato 14 aprile in coproduzione con il Nuovo Teatro Verdi di Brindisi e con Teatri Uniti, ‘Sconcerto’, Teatro di Musica, musica: Giorgio Battistelli, testo: Franco Marcoaldi, con Toni Servillo e la partecipazione di Peppe Servillo, direttore Marco Lena, regia di Toni Servillo, costumi di Ortensia De Francesco, suono di Daghi Rondanini luci di Pasquale Mari, (prima esecuzione a Lecce). Venerdì 20 aprile , inaugurazione del festival di musica contemporanea ‘Silenzio!’, in collaborazione con la Provincia di Bari, direttore Marcello Panni, soprano Valentina Coladonato, voce recitante Brizio Montinaro, ascolteremo di Erik Satie/Claude Debussy , ‘Gymnopedies n.1 e n.3, Claude Debussy, ‘Trois Ballades de Francois Villon per voce e orchestra (prima esecuzione a Lecce), di Ivan Fedele ‘Moroloja kai Erotikà’ per soprano e orchestra su testi tratti dai Canti di pianto e d’amore dell’antico Salento di Brizio Montinaro (prima esecuzione assoluta della versione per orchestra, commissione della Fondazione Ico), di Giacomo Puccini ‘Tosca’, Suite Sinfonica (arrangiamento di Marcello Panni, prima esecuzione in Italia). Il 27 aprile in coproduzione con la Camerata Musicale Salentina e Il Balletto del Sud’Le quattro Stagioni’. Il 4 maggio un concerto omaggio a Carmelo Bene (2002-2012), in collaborazione con la Rai e con Apulia Film Commission, direttore sarà Marcello Panni, ascolteremo la voce registrata di Carmelo Bene, flautista Roberto Fabbriciani, soprano Alda Caiello. Di Bruno Maderna: Musica su 2 dimensioni per flauto e nastro magnetico, di Claude Debussy ‘Syrinx’ per flauto solo (1912), di Roberto Vetrano, ‘I mal de’ fiori’ per soprano e orchestra su una poesia di Carmelo Bene (prima esecuzione assoluta commissione della Fondazione Ico). Di Bruno Maderna ‘Dimensioni III per flauto e orchestra, dall’opera ‘Hyperion’. Testi tratti dal romanzo omonimo di Friedrich Holderlin, letti da Carmelo Bene (Rai 1981), (prima esecuzione a Lecce). Venerdì 11 maggio, direttore e violoncellista Luigi Piovano, arpa: Keti Giulietta Ritacca, ascolteremo di Debussy ‘Danse sacrèe et danse profane per arpa e orchestra d’archi. Di Camille Saint-saens, Concerto n.1 in la min. per violoncello e orchestra op. 33. Di Cesar Frank ‘Sinfonia in re minore’. Il 18 maggio direttore Marcello Panni, pianista Emanuele Arciuli, coro femminile Apuliae Chorus, maestro del coro Andrea Crastolla ascolteremo di Debussy ‘Prelude à l’apres-midi d’un faune’ dal poema di S. Mallarmè. Di Maurice Ravel, ‘Concerto in sol magg. per pianoforte e orchestra’. Di Claude Debussy ‘Trois nocturnes per coro femminile e orchestra’ (prima esecuzione a Lecce). Di Maurice Ravel ‘La Valse’ (prima esecuzione a Lecce). Venerdì 25 maggio, direttore Francesco Di Mauro, pianista Roberto Prosseda, ascolteremo di Debussy ‘Printemps’, di Charles Gounod ‘Concerto per Piano-Pédalier e orchestra’, (prima esecuzione a Lecce). Di Jacques Offenbach/Manuel Rosenthal ‘Gaité parisienne’, Suite dal balletto (prima esecuzione a Lecce). A conclusione del ricco calendario venerdì primo giugno, in collaborazione con il Ministero dell’Università e della Ricerca (Miur) e con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce, direttore Giovanni Pellegrini ‘Premio nazionale delle Arti 2012, Sezione Canto Lirico’, “un bel gioco di squadra, una sinergia tra Istituzioni dagli ottimi risultati” dice il maestro Pierluigi Camicia direttore del Conservatorio di Lecce. E poi ancora Matinèe per le scuole.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!