Raccolta alluminio. Lecce tra i nove Comuni virtuosi

Lecce. Il Consorzio Imballaggi Alluminio ha premiato con 400mila euro i Comuni modello, tra cui il capoluogo salentino

LECCE – C’è anche Lecce tra i comuni italiani virtuosi nella raccolta di alluminio. Il Cial (Consorzio Imballaggi Alluminio) raggiunge 47 milioni di cittadini attraverso i 5.800 Comuni italiani che partecipano alla raccolta degli imballaggi in alluminio (raccolto con la plastica oppure con il vetro). Il Consiglio di amministrazione del consorzio (oltre 370 operatori, 170 piattaforme, quindici fonderie sul territorio nazionale che garantiscono la raccolta, il trattamento, il riciclo) ha premiato nel 2011, con 400mila euro, i Comuni che si sono distinti per le migliori performance: oltre al capoluogo salentino tra le città modello troviamo Milano, Asti, Pordenone, Padova, Chieti, Benevento, Salerno, Lecce e Sassari. L’Italia è comunque risultata terza al mondo per il riciclo di alluminio, con un notevole risparmio di energia e di gas serra non emessi. Grande soddisfazione per l’importante riconoscimento ottenuto è stata espressa dall’assessore alle Politiche Ambientali, Gianni Garrisi il quale ha rimarcato “l’ottimo lavoro svolto dal personale del Settore diretto dall’architetto Fernando Bonocuore”. “La versatilità dell’alluminio è pressoché infinita basti pensare che sono sufficienti 800 lattine per creare una bici e solo 37 per creare una caffettiera da tre tazze. Le applicazioni dell’alluminio in molteplici campi, quali l’Edilizia, l’Elettrotecnica, i Trasporti, l’Arredamento e l’Impiantistica, rendono tale metallo fra i più nobili, proprio per la sua versatilità. “Per questa ragione – ha concluso l’assessore Garrisi – è importante che tutti i cittadini, a partire dalle giovani generazioni, assicurino il proprio contributo per far sì che Lecce sia annoverata fra le città modello sui temi della differenziata”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!