Politiche di genere. Il documento programmatico del Pdl

Nardò. Oggi il gruppo guidato da Mirella Bianco consegnerà le proposte al sindaco Risi chiedendo che l’Amministrazione le adotti

NARDO’ – La festa internazionale della donna per “suggerire” all’Amministrazione interventi a sostegno delle donne. Il gruppo del Pdl al Comune di Nardò oggi proporrà al sindaco Marcello Risi di adottare un documento programmatico che passi attraverso politiche del lavoro mirate in primo luogo all'inserimento delle donne all'interno di un mercato che fa i conti con una profonda crisi economica. “Sono proprio le lavoratrici che rischiano di pagare il conto più salato della restrizione del mercato occupazionale” dichiara Mirella Bianco, capogruppo del Pdl al Comune. Per fronteggiare gli effetti che la crisi ha sulle donne, il Popolo della libertà propone la diffusione dell'alfabetizzazione informatica attraverso un corso organizzato dall'amministrazione comunale che possa favorire la promozione sociale e una maggiore possibilità di ricollocamento per lavoratrici disoccupate o in mobilità. Tra le misure proposte, anche l'adozione di azioni mirate alla conciliazione dei tempi vita-lavoro. “La divisione del lavoro di cura all'interno della famiglia – commenta Bianco – risultano essere fortemente sbilanciata a sfavore della componente femminile divenendo fonte di disuguaglianze. La responsabilità della custodia dei figli, degli anziani e di persone con bisogni particolari, infatti, rappresenta un freno alla partecipazione attiva delle donne nel campo del lavoro. Da qui la necessità di ‘misure di conciliazione’ ossia di facilitazioni e misure in grado di salvaguardare la possibilità di conciliare la vita familiare con la vita lavorativa. Azioni che passino dall'istituzione di uno sportello per la famiglia, dal potenziamento di servizi per la prima infanzia, dalla costituzione di un albo comunale per babysitter e badanti”. Inoltre, l’Amministrazione comunale potrebbe, secondo il Pdl, attivarsi per dar vita ad un corso di autodifesa psicologica e fisica per contrastare per quanto possibile il fenomeno della violenza di genere. “La prima fase – dice Bianco – dovrebbe puntare sulla valorizzazione del sé, in quanto la donna non è vista come una vittima ma come una persona che vive in una situazione di disagio, che è possibile modificare partendo dal presupposto che ognuna ha in sé la capacità di uscire dalla situazione di violenza. L’autodifesa fisica riguarda direttamente una capacità di reazione rapida di fronte ad un assalto violento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!