Due discariche abusive. La finanza sequestra i terreni

Galatone. Sporta denuncia contro ignoti. Su circa 1.200 metri quadrati erano stati abbandonati rifiuti speciali, anche pericolosi

GALATONE – Due terreni, nelle contrade “Coppola” e “Toffo”, trasformati in discariche abusive di rifiuti speciali, pericolosi e non. I finanzieri della Compagnia di Gallipoli, hanno sequestrato ieri circa 1.200 metri quadrati complessivi, su cui erano stati abbandonati in maniera incontrollata rottami di frigoriferi, televisori, mobili, eternit, materiale bituminoso e di risulta da lavorazioni edili e pneumatici esausti. Le Fiamme Gialle, dopo aver proceduto ai dovuti accertamenti presso l’Ufficio Tecnico comunale, hanno sporto denuncia a piede libero a carico di ignoti ed affidato in gratuita giudiziale custodia i terreni ai rispettivi proprietari. Le norme in materia prevedono, per chi abbandona indiscriminatamente rifiuti speciali, l'arresto da tre mesi a un anno o la multa da 2.600 euro a 26.000 euro, oltre all’obbligo della rimozione e dello smaltimento dei rifiuti abbandonati, con il conseguente ripristino dello stato originario dei luoghi. Se, al termine delle indagini non dovessero essere identificati gli esecutori materiali del reato, tali obblighi ricadranno sui proprietari dei terreni, per il principio detto “di obbligatorietà in solido”. Infatti, se l’area rurale non è stata recintata (e, quindi, resa inaccessibile dall’esterno), il proprietario è tenuto a vigilare a che non vi vengano sversati rifiuti; se ciò dovesse succedere, il proprietario deve immediatamente presentare “denuncia di discarica abusiva” presso il più vicino ufficio di Polizia, per non incorrere nelle sanzioni previste.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!